Perché alle donne piace il genere #crime?

E’ noto che al pubblico femminile piace il genere Crime. Ma perché? Apparentemente sembrerebbe controintuitivo: sangue e violenza parrebbero essere due argomenti molto lontani dal gentil sesso al quale tenderemmo ad attribuire più naturalmente generi come la commedia, la fiction. E invece no, il genere Crime attira più donne che uomini. E questo è vero sia per la televisione (dove la sproporzione è spesso enorme) che per i libri.

Ricercatori dell’università dell’Illinois si sono posti la domanda ed investigando su un campione di donne appassionate del genere letterario Crime hanno rilevato che le ragioni principali sono:

  • Per imparare come non diventare delle vittime.
  • Per imparare come sopravvivere se si diventa una vittima.
  • Per imparare a riconoscere segnali sospetti (comportamenti strani, situazioni di pericolo).
  • Per imparare delle strategie di sopravvivenza, dei trucchi per fuggire.

In poche parole le donne guardano (o leggono) il Crime perché si sentono istintivamente in pericolo e pensano in questo modo di poter avere informazioni su come evitare o scampare ad eventuali situazioni di pericolo. Gli uomini molto meno, perché di base si sentono più forti ed al sicuro. Il paradosso è che – naturalmente – è stato verificato che le donne, dopo aver provato l’esperienza – anche se finzionale – di scene di crimine, tendono ad aumentare il loro senso di insicurezza (mai avuto gli incubi dopo un film horror?). E’ quindi un meccanismo che sembrerebbe rafforzare perversamente se stesso: un loop paura, esperienza simulata, apprendimento, paura.

Al di la di tutto, questa semplice rilevazione statistica spiega perché le serie Crime di maggior successo sono quelle che contengono sia un alto livello di spettacolarizzazione delle scene criminali che una fortissima dose didattica: si osserva la vittima, la si vede perire e si parte quindi per una lunga esplorazione sulle cause, il movente, l’analisi della scena, della mente dell’assassino. In questo modo si soddisfano perfettamente i due “bisogni primari” delle appassionate del genere: vedere e capire. Ecco quindi, per chi volesse, gli ingredienti fondamentali per creare una nuova serie Crime di successo.

8 thoughts on “Perché alle donne piace il genere #crime?

  1. Ci sono degli aspetti che non emergono dalla ricerca ma che istintivamente potrebbero essere interessanti. (Magari analizzati altrove?) Al genere femminile, più che a quello maschile, viene ahimè anche troppo semplice perdersi in congetture e tentare di trovare il filo magari nascosto dei comportamenti umani. Lo si fa con i più semplici, fino a quelli più complessi. I comportamenti criminali hanno una componente in più di labirinto, sconosciuta e oscura, e cercare di scoprire il perché degli orrori – di cui appunto si ha paura – va al di là dell'istinto di difesa e della ricerca di informazioni per capire come fare. Alla paura si aggiunge la speculazione. Con la convinzione, perché no, di poter comprendere per sensibilità particolari che al genere maschile possono rimanere ignoti perché meno attratto e più concreto.

  2. Buonasera, sono Martina una studentessa di 26 anni di Roma. Sto per laurearmi in Comunicazione d'impresa alla Sapienza con una tesi avente per argomento il fascino delle serie tv crime sul pubblico femminile.
    Il mio professore Massimo Morelli, che penso lei conosca, ha letto il suo articolo sul blog tempo fa e gli è tornato alla mente quando gli ho proposto l'argomento!
    Mi chiedevo se potesse darmi maggiori informazioni sulla ricerca americana dell'Illinois, di che anno è e se fosse possibile trovarla in rete. Spero di ricevere una risposta, le serie tv crime sono una delle mie passioni, divoro telefilm su telefilm soprattutto americani.
    Grazie mille in anticipo!!
    Martina

  3. certainly like your website however you have to check the spelling on several of your posts. Many of them are rife with spelling problems and I to find it very troublesome to inform the truth nevertheless I will surely come back again. beedegceedbd

  4. Thanks for sharing your thought and deep knowledge through this post .This is my first visit to your post. I am very happy Google redirected me to this page. Big thanks to you for sharing such a great post with us.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>