Current: Ecco le immagini censurate.

Ecco le immagini che l’ATAC, l’azienda trasporti pubblici di Roma, ha deciso di censurare. Le immagini sarebbero state affisse nelle stazioni della metropolitana della capitale (e non, come sostiene il presidente dell’ATAC, sugli autobus). A voi la valutazione del contenuto di questi manifesti.

CURRENT BIBBIA
current fucile

11 thoughts on “Current: Ecco le immagini censurate.

  1. Pingback: Nicola Mattina Blog » Blog Archive » Atac censura Current

  2. Pingback: Roma Milano, due ItaGlie diverse | Wolly Weblog

    • Just a quick note to mention how great I think it is that this is irrncpooated into the website. As Youth Leader at St G’s I rarely get to hear Rev CJ’s sermons as I’m involved with our youth group. I have really enjoyed taking time out of my Monday to hear the Word. Thanks CJ Scott Currie

  3. Pingback: Domande imbarazzanti « metabox

  4. Immagino la prima immagini sia stata ritenuta un pò offensiva nei confronti della chiesa cristiana. Che tra l' altro ha sede a roma. I credenti ci badano a queste cose.

    C'è da augurarsi che come spesso accade in questi casi la pubblicità (gratiz:) arrivi dagli indignati per la censura, sospetto però che alla blogsfera non importi così tanto. vedremo, ma cambiare cambiare la prima tematica con una religion-free ? Magari tra un pò, se nel frattempo si crea un caso.

  5. La speranza è quella che l'evento censura contribuisca a creare ora un efficace quanto inaspettato effetto pubblicitario postumo: "Chi ha il coraggio di parlare viene censurato? Current Tv"

  6. troppo evidente il tentativo di ottenere proprio una censura per poi avere una copertura mediatica superiore a quella pianificata….vecchio giochetto che Toscani ha usato molte volte in passato…

  7. Pingback: Le due facce della censura | Webnews Blog

  8. Ciao, ti "conosco" solo oggi e ti faccio i complimenti per il bel lavoro che state facendo in Current! Sinceramente fosse per me ci metterei pure la faccia del papa nell'outdoor..

  9. @Paolo

    Ognuno è libero di pensarla come preferisce. Ma se vuoi sapere la verità, da uno degli autori, e non limitarti alle supposizioni, sappi che non è come pensi tu. Ogni soggetto pubblicitario di questa prima fase è nato da un'inchiesta condotta dai Vanguard Journalist. Abbiamo posto le domande che chiunque dovrebbe porsi. Perché tutti sono capaci di affermare "voglio cambiare il mondo". Ma per farlo devi conoscerlo.

    Abbiamo posto le domande a cui le inchieste Vanguard danno una risposta. Se anche tu cerchi risposte, vere e non supposizioni, guarda le due inchieste pubblicizzate. Negli annunci trovi indicati sia il giorno sia l'orario. Dopo che le avrai viste, potrai decidere tu, autonomamente, se la censura è stata cercata da noi o voluta da altri. Ciao :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>