Flash 9 H.264, ora cambia (quasi) tutto.

flash on Se ne parlava da tempo ora finalmente siamo arrivati ad avere sul mercato il più importante aggiornamento software per il mercato del video online. Sto naturalmente parlando dell’integrazione del supporto H.264 nella linea di prodotti Flash di Adobe. Flash come si sa è stato il vero accelerante nell’esplosione del video online: istallato in quasi il 99% dei browser (Win, Mac, Linux) ha permesso, da quando cominciò a supportare il video, di distribuire contenuti audiovisivi senza richiedere l’istallazione di plug-in da parte dell’utente. E’ grazie a questa caratteristica che hanno potuto nascere e svilupparsi così in fretta fenomeni come YouTube & Co. offrendo inoltre la “rivoluzionaria” funzionalità di embed, ovvero di copia & incolla di un semplice codicillo in grado di trasportare il contenuto su qualsiasi sito o blog. E’ sempre merito di Flash e della controparte server Flash Media Server se sono potuti nascere servizi come Mogulus, blogTV e uStream per lo streaming di flussi video online. Un’altra caratteristica delle ultime versioni del Player infatti fu quella di permettere l’invio di un flusso audio/video dal PC di un utente verso un apposito server in grado quindi di rilanciare il segnale virtualmente all’infinito verso qualsiasi client dotato per l’appunto di un player Flash.

Il limite più evidente di tutta questa architettura, che è cominciato ad emergere con il consolidarsi dei servizi per il web video, è sempre stato la qualità dell’audio e del video trasportati, in combinazione al fatto che per entrare nel circolo virtuoso Flash fosse necessario convertire il proprio materiale in un apposito formato. E’ l’operazione che per intenderci fa sistematicamente YouTube (o Blip.tv) quando carichiamo un nostro video: converte il materiale originale in formato flash generando un nuovo step di compressione che va sistematicamente a degradare la qualità del prodotto finale. Alternativamente è sempre stato possibile generare i Flash Video in autonomia, avendo l’apposito Encoder e dedicando quindi del tempo alla generazione di materiale in questo ennesimo, comunque non eccezionale, formato. Stesso discorso per le dirette video: quando con uStream & Co. andiamo a trasmettere il nostro segnale A/V il tutto viene compresso usando un “vecchio” codec presente nel Flash Player in grado di garantire una qualità del segnale video e, soprattutto, audio che decisamente non era più in linea con i tempi.

Il mercato nel mentre aveva già ampiamente preso una direzione condivisa su questo versante. La compressione Audio/Video è da tempo sinonimo di H.264. Dietro questa sigla si nasconde la più recente evoluzione del MPEG-4 chiamata anche AVC (Advanced Video Codec). L’H.264 si distingue per le grandi prestazioni nella compressione del segnale unite ad una qualità finale sorprendente e ad una grandissima “flessibilità” nello scaling dei formati. Con H.264 si trattano risoluzioni video dal “formato cellulare” alla Full HD senza colpo ferire, con un risultato finale che vede file molto compatti e dalla grandissima qualità. Come è noto è lo standard in uso in entrambe i formati DVD ad alta definizione, è la compressione del formato Podcast (nelle due estensioni MP4 e M4V) e nella sua componente Audio l’AAC è ormai lo standard più affermato per la compressione ad alta qualità (compresa quella multicanale).

In poche parole chi fa video da un paio di anni a questa parte lavora in H.264, e chi fa video online lavora prevalentemente in questo formato. L’incredibile versatilità e diffusione di Flash era quindi penalizzata dall’utilizzo di un suo formato proprietario e da algoritmi di compressione (Spark e VP6) non più all’altezza dei nuovi standard di mercato. Ora non è più così e tra qualche settimana non sarà più così neanche per quanto riguarda il live streaming. Oltre al Flash Player infatti è stata aggiornata la famiglia di prodotti server. Il Flash Media Server che adesso è più performante e costa ben il 90% in meno (!!!) apre anch’esso naturalmente le porte al H.264.

Stiamo per assistere quindi a molti cambiamenti per il video online. Non dovremo innanzi tutto più convertire i nostri file, ne attendere il processo di conversione online perché tutto “lavorerà” in H.264. Con questo formato migliorerà in maniera incredibile la qualità dell’audio e del video del materiale distribuito: sia per video in Alta Definizione (che sicuramente cominceremo a vedere sempre più di frequente) che per i materiali a risoluzione standard web. Con l’AVC vedremo e sentiremo tutto meglio senza per questo doverci aspettare file di dimensioni più ampie (anzi) e quindi tempi di caricamento o di risposta dilatati. Lo stesso varrà anche per il Live Streaming, finalmente potremmo avere con la stessa occupazione di banda (o quasi) una qualità audio e video degna di una trasmissione di qualità, usando a questo punto una qualsiasi sorgente che riesca a streammare A/V in formato H.264 (purtroppo per il momento non è stato upgradato il codec di Live Streaming sul Flash Player per cui non si può streammare in H.264 dal client flash, ma si potrà cominciare ad usare un Flash Player per ricevere segnali in streaming H.264). Il tutto, ciliegina sulla torta, corredato da altre importanti novità presenti nel player una su tutte il supporto del Full Screen in modalità hardware-nativa: vedremo e sentiremo molto meglio e a finalmente con un vero Full Screen.

Insomma un passaggio epocale per Flash che lo pone per il momento a riparo dalla possibile avanzata del neonato rivale di casa Microsoft Silverlight che tra i suoi punti di forza aveva proprio tutte le caratteristiche che l’ultima versione dei prodotti Flash ora supportano. Rimane ora forse solo un solo grande passo che Adobe deve compiere per portare i suoi prodotti ad essere competivi in tutti i segmenti del mercato (IPTV inclusa): un Flash Media Server che supporti finalmente il Multicast. Ma, per il nostro settore, per il video su web e per l’industria nascente della NetTV non c’è dubbio che questo sia il passaggio chiave, quello che da tempo stavamo sperando. Olè!

— La DEMO delle nuove funzionalità del Player Flash 9
— Gallery di video in formato H.264 ad Alta Definizione
— Le Caratteristiche dei nuovi Flash Media Server 3

Technorati , , , , , , , , , ,

8 thoughts on “Flash 9 H.264, ora cambia (quasi) tutto.

  1. Pingback: I link di Domenica 9 Dicembre 2007 | over-ip.eu

  2. Pingback: upnews.it

  3. Grandi novità, spero, riserveranno i nuovi tools Media Server 3, divisi ora in due pacchetti distinti. Silverlight, come era prevedibile, sembra ammettere il suo scopo: fantoccio di mercato per una pseudo-concorrenza che, alemno per ora, non sembra proprio esserci!! 😉

  4. Pingback: Flash 9 H.264 |

  5. Pingback: Il Blog di Roberto Basile » Arriva l’H.264 su Flash

  6. Pingback: Il meglio della settimana - 55 | Napolux.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>