“Ask a Ninja” uno show da 1 milione di dollari.

Dina Kaplan co-fondatrice di Blip.tv in una recente intervista su TV Guide dichiara che per pensare di fare soldi con produzioni NetTV bisogna arrivare a fare circa 500 mila views ogni mese. Chi ne fa di meno dovrebbe impiegare tempo ad aumentare la propria audience piuttosto che cercare sponsor. Testuali parole. Eppure negli USA c’è chi con 100 mila view al mese riesce a guadagnare egregiamente. E’ il caso ad esempio di Bee TV che con i suoi servizi super settoriali (proprio sul mondo del web video) con circa 100K view al mese riesce a portare a casa un guadagno di $15.000. Sono prevalentemente sponsor, e non puro advertising. La sponsorship paga di più ed più indicata a valorizzare contenuti di nicchia dove la famosa regola dei pochi ma buoni vale più che mai.

Ad ogni modo chi vuole far soldi con la pubblicità deve considerare che i CPM medi variano dai $15 ai $20. In Italia possiamo parlare di una forbice che può andare dai 4 ai 70 euro a seconda della tipologia di contenuto (generico -> di settore), con un valore medio intorno ai 10/15 euro. Questo sempre che ci sia qualcuno sul mercato veramente capace di valorizzare questi nuovi prodotti e di raccogliere di conseguenza pubblicità. Quindi con un numero di view intorno alle 100 mila mese, regime attuale ad esempio di N3TV, si avrebbe un ritorno potenziale dai 1000 ai 1500 euro. Con 500K di view le revenue aumenterebbero più che proporzionalmente perché il CPM salirebbe probabilmente fino a 20/25 euro. A questi denari vanno sommate le sonsorship ed anche qui più view si fanno più possono essere valorizzate le sponsorizzazioni, ed il cosiddetto Content Providing (ConPro) ovvero la vendita degli stessi contenuti per piattaforme altre rispetto al web. Insomma effettivamente la Kaplan non va tanto lontana dal vero: con 500k view/mese la formula ADV+Sponsor+ConPro comincia a funzionare decisamente bene. Sempre che si sia messo in piedi un modello aziendale ed un processo produttivo tarato per la NetTV, che non è esattamente semplice.

Comunque, queste sono le cifre di oggi. Il mercato come sappiamo è appena partito e pesanti saranno le evoluzioni nei prossimi anni. Per capire come si può crescere e dove si può arrivare emblematico è il caso di Mr. Nichols e Mr. Sarine, il duo di “Ask a Ninja”. Partiti due anni fa con l’ormai celebre show settimanale agli esordi non ebbero bisogno di più di 60 mila dollari racimolati tra amici e parenti. Dall’ora il loro show ha generato più di 70 milioni di view su YouTube & Co. Un anno fa decisero di focalizzare tutto il loro tempo nel fare soldi con il loro show, decidendo di distribuirlo su Reever che all’epoca era l’unico sito che divideva al 50% gli introiti pubblicitari. Guadagnarono circa $50K in otto mesi, quindi decisero di firmare un accordo con FederateMedia per la raccolta pubblicitaria e di recente sono passati a distribuire i loro podcast con Castfire che consente loro una pianificazione dell’ADV sull’intera library. I viewers di “Ask a Ninja” sono passati nell’ultimo anno da 2 milioni a 2.7 milioni al mese ed i profitti per il magico duo sono arrivati a 100 mila dollari al mese. “I pubblicitari ora hanno una via credibile per raggiungere il target dei giovani e giovanissimi che sta abbandonando la TV e noi stiamo fornendo loro una via molto concreta per raggiungre i loro cervelli”. Queste le parole di Mr. Nichols. Che dire: chapeau!

One thought on ““Ask a Ninja” uno show da 1 milione di dollari.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>