La sporca verità dietro i video virali: ecco come fregare YouTube e far diventare un proprio video un successo.

Il post scritto da Dan Ackerman Greenberg co-fondatore della viral video marketing company “The Comotion Group” e pubblicato da TechCrunch (qui e chiarimenti qui) è di quelli che fanno accapponare la pelle. Non che alla fine della lettura si abbia rivelata una realtà che non si immaginava ma, come per molti fatti che riguardano l’establishment di questo paese, un conto è sospettarlo e parlarne al bar, altro è avere una testimonianza esatta di quel che succede.

Cosa racconta di tanto sconvolgente Dan? Le modalità operative con cui la sua società riesce a trasformare un qualsiasi video in un super successo su YouTube. Il racconto parte con la storia di alcuni video prodotti da una major di Hollywood con grandissimo dispendio di risorse, postati su YouTube e puntualmente ignorati dalla massa di visitatori del sito. Perché? come è possibile che un video di grande qualità venga preferito ad altri di minor spessore? Il motivo è molto semplice: per trasformare un un video in un successo è necessario rispettare certe regole e adoperarsi in un’azione combinata che deve essere rapida ed agire su più fronti in parallelo. Azioni del genere le possono compiere piccoli gruppi di persone appositamente addestrati. E se si conoscono i trucchi non c’è classifica che tenga: qualsiasi video diventerà un successo. Con il metodo descritto da Dan e sapientemente applicato dalla sua company ogni video “trattato” raggiunge almeno le 100.000 views su YouTube. Il metodo è così sicuro che “The Comotion Group” ha deciso addirittura di non farsi pagare per tutti quei video che non raggiungono l’obiettivo.

Vediamo allora ad una ad una queste sante regole del peccato, che ho cercato brevemente di sintetizzare e che fanno il paio con il consigli elargiti da TubeMogulu di cui parlammo qualche settimana fa.

1. Non tutti i virali sono quello che sembrano
Ovvero esistono molti casi autentici di video che riescono spontaneamente a scalare le classifiche. Ma in generale è ormai tempo di diffidare dai virali, spesso non sono quello che sembrano.

2. Non è il contenuto quel che conta
O meglio, il contenuto è importante ma se opportunamente preparato qualsiasi video può sfondare. Come prepararlo? Ecco qui:

  • Fatelo corto: 15-30 secondi è la lunghezza ideale; spezzate le storie lunghe in più tronconi
  • Progettate un video per essere Remixato, ovvero preso e riusato dentro altri video (Ex: “Dramatic Hamster”)
  • Non fate percepire immediatamente che si tratta di uno spot pubblicitario, se sembra un ADV la gente tenderà a non condividerlo. (Ex. Sony Bravia)
  • Fatelo shoccante: non date allo spettatore altra scelta se non di volerne sapere di più (Ex: “Ufo Haiti“)
  • Usate dei titoli falsi: fate che lo spettatore pensi “Oh Merda! ma è successo veramente?!” (Ex. “Furto di una Ferrari”, non c’è ancora un video con questo titolo su YouTube, se voleste approfittarne…).
  • Fate riferimento al sesso: se tutti i metodi precedenti non hanno funzionato buttatevi sul sicuro e titolate il video su argomenti sessuali (Ex. “Yoga 4 Dudes“)

3. La strategia di base: entrare nella pagina dei “Più visti”
Entrare nella pagina dei “Più visti” del giorno su YouTube è il trampolino di lancio indispensabile per portare un proprio video a conquistare vette importanti di popolarità. Per entrare in questa classifica è sufficiente far collezionare al proprio video circa 50.000 views. Una volta entrati si riuscirà a moltiplicare enormemente il numero delle views grazie all’enorme traffico che viene generato da questa speciale pagina del portale video. Ma come fare per accumulare i primi 50.000 spettatori? Ecco qui:

  • Blog, contattare i blog di maggiore successo e pagarli per pubblicare il nostro video. Si avete capito bene, pagare i top blogger per pubblicare un video. Tutto lecito, perché come spiega Dan non è un operazione occulta ma i video vengono contrassegnati come “advertisement” o simili (mah..).
  • Forums, postare il video in quanti più forum possibile avendo l’accortezza di creare false conversazioni tra utenti così che il video sembri molto chiacchierato. Bastano più account e qualche persona desiderosa di divertirsi a generare finti dialoghi.
  • MySpace, embeddare il video nei commenti dentro i blog di MySpace.
  • Facebook, lavorare sul proprio social network per allargare il numero dei friends e quindi sparare il video a tutti i propri amici quando necessario.
  • Mailing List, inviare il video ad una o più mailing list. Per farlo basta pagare il servizio d’invio a qualche azienda che lo fa di mestiere. Anche qui Dan assicura: niente spam (mah..).
  • Amici, fate scoppiare il passaparola e assicuratevi che tutti i vostri amici abbiano visto il video.

Dovete mettere in moto queste tecniche tutte assieme, contemporaneamente, perché la pagina dei “Più Visti” su YouTube considera le viste dei video nelle ultime 48 ore. Fate in modo quindi che l’onda si scateni in tutta la sua violenza nel tempo stabilito così da poter entrare nella fatidica pagina. Non vi spaventate si vi sembra complesso, un po di relazioni sociali ed il tempo necessario ad affinare queste tecniche e vedrete i vostri video comparire per magia laddove desiderate.

4. Ottimizzate il Titolo
Consiglio ovvio ma fondamentale, la gente sceglie se vedere un video per il suo titolo e per la sua thumbnail. Quindi usate titoli molto significativi e abbondate di termini quali “Esclusivo”, “Dietro le quinte”, “Riprese Rubate”, etc. Se osservate le copertine di Novella 2000 o derivati troverete degli ottimi esempi di come costruire titoli accattivanti sul niente.

5. Ottimizzate la thumbnail
L’abbiamo appena detto, l’immagine di anteprima di un video è essenziale per spingere uno spettatore a vedere un nostro video. Su YouTube potete scegliere tra 3 thumbnali proposte dal sistema. Come fare allora ad esser certi di avere quella giusta? Una delle 3 thumbnail viene presa dal fotogramma che sta esattamente al centro del nostro video. Basta piazzare l’immagine che ci interessa in quel punto per poter scegliere esattamente ciò che ci interessa. Naturalmente anche qui abbondate con immagini a sfondo sessuale e fate in modo che l’anteprima sia molto nitida, che dia l’impressione che il video sia di qualità. Se volete mettere la ciliegina sulla torta sfruttate tutte e 3 le anteprime che vi propone YouTube facendo ruotare l’anteprima 3/4 volte nell’arco di una giornata.

6. Commentate: conversate con voi stessi
Per far salire d’interesse il video, e per farlo salire nelle classifiche dei più commentati, create più account su YouTube, distribuiteli ai vostri collaboratori e fate si che intorno al vostro video si generi una fittissima conversazione, naturalmente tutta fasulla. In questo modo il video, vedrete, comincerà a salire in classifica. Se poi qualche scigurato “vero utente” si permetterà di lasciare dei commenti negativi sul vostro prodotto non esitate a cancellarli. Perché rovinare tutto per pochi cervelli che non la pensano come voi?

7. Pubblicate tutti i video simultaneamente.
A volte si pensa che una corretta strategia virale debba prevedere la pubblicazione sequenziale di più video, così da mantenere alta l’attenzione nel corso del periodo di tempo che si vuole coprire. Secondo Dan questo è un approccio sbagliato. Perché negare il piacere di un seguito ad uno spettatore che lo vuole vedere. Perché farlo quando poi su YouTube si è portati ad andare quasi sempre oltre grazie al “perverso” meccanismo dei video correlati? Allora pubblicate tutti i video della vostra campagna, o della vostra serie, contemporaneamente, facendo solo attenzione di portarne solo uno all’attenzione generale di volta in volta.

8. Stretegic Tagging: portate gli spettatori nella tana della volpe.
Siamo appunto al meccanismo dei Related Videos, dei video correlati, il menu che YouTube ci propone alla fine di ogni video per continuare l’esperienza di visione. Bene, come far si che in quel magico menu appaiano esattamente i video che noi vogliamo così da portare gli spettatori dritti dritti nella tana della volpe? Usando opportunamente i tag. Normalmente usiamo i tag a corredo di un video per farlo comparire correttamente dentro alcune categorie o nei risultati di dterminate ricerche. Questa strategia, pur corretta, viene usata dal gruppo di Dan solo dopo la seconda settimana, quando il video ha ormai già passato il picco delle views. Nei primi giorni i tag da associare ad un video devono essere assolutamente unici, ovvero non usati in nessun altro video su YouTube. In questo modo, e solo in questo modo, possiamo pilotare le correlazioni tra video facendo si che il menu che appare a fine visione contenga solo quello che desideriamo noi.

9. Tracciamento: come si misura il successo di un video.
Per vedere come un video sta andando gli strumenti più efficaci da usare sono i soliti Vidmetrix e TubeMogul semplici e molto efficaci. Altro trucchetto che si può adottare è aggiungere la stringa “?video=1″ alla fine della URL dei nostri video, così da poter più semplicemente tracciare gli inbound links da strumenti come Analytics.

Eccoci qui, alla fine di questa splendida sequenza. Come avete avuto modo di leggere nulla di nuovo sotto il sole, nulla che nel retro cranio non pensassimo già. Ma, come per molte questioni nella vita di tutti i giorni, fintanto non si dimostra che le leggende metropolitane sono realtà tutto rimane pura speculazione. Quando però si scopre che le cose stanno effettivamente così e si vanno a conoscere i particolari di quel che realmente accade si rimane un po cosi, con la testa tra le mani a pensare cosa fare, a pensare cosa pensare.

Altri post che ho pubblicato per chi fosse interessato al tema dei virali &Co. :
— I Consigli di TubeMogul
Intervista al CEO di GoViral
Intervista ai fondatori di Bright.ly
— Quali sono i criteri per contare il numero di views di un video online?

14 thoughts on “La sporca verità dietro i video virali: ecco come fregare YouTube e far diventare un proprio video un successo.

  1. Come sempre hai colto nel segno! Queste regole gettano finalmente luce sulla comunicazione in rete. Resta da capire come tutto ciò che non e "marketing", ma ad esempio prodotto culturale troverà una sua "formula" di diffusione e di successo sul web… non si vive di solo pane!

    Chiedo troppo?

  2. Probabilmente non chiedi troppo

    Chiedi pero' di rispondere ad una domanda difficile….

    molto piu' difficile da:

    "Come si ottiene da un video qualsiasi un video di successo?

    Un esempio di domanda altrettanto difficle?

    Chiediamo al maestro

    quanti

    video che hanno abbracciato quella strategia non sono arrivati da nessuna parte…

    La risposta ovviamente non arrivera' mai, e se anche dovesse arrivare (circostanza che potrebbe far parte in ogni caso di una "strategia pubblicitaria,come del resto questo fantastico….vademecum….)

    non arriveranno mai le documentazioni analizzabili seriamente.

    Insomma di certo c'e' una cosa sola

    un tot di blog come questo hanno rimbalzato la rivelazione del "tipo" e dato una mano ad un tot di "marchi" nel comparire qui come altrove.

    Non c0'e' che dire

    la rete e' piena di polli ne piu' ne meno che il "reale".

    HIhi

  3. Bel lavoro, veramente ottimo. Dal mio punto di vista Dan non si è inventato niente di nuovo. Il viral marketing però non dovrebbe portare solo buzz visuale. Il lavoro di targetting è fondamentale e con un virale selvaggio si arrivano a 100000 visite senza ottenerne niente se non al max in ritorno d'immagine. Come saprete, sto facendo una campagna sociale virale per Terre des Hommes http://it.youtube.com/watch?v=1MZcXvGzO5M&fea… (il penultimo articolo di tommaso). Il video sicuramente non ha i numeri esorbitanti dei grandi virali, ma sto facendo una scansione di target per "infettare" potenziali donatori. Certo, ognuno può essere un potenziale cliente ma se solo 10000 ragazzini vedranno il video, difficilmente questi donerranno a favore della campagna. Bisogna quindi concentrarsi su altri luoghi della rete.

    Questo è ciò che non è accaduto alla Dove. Milioni di visite per il suo ultimo virale Onslaught (il nostro video è un suo Spoof) e che cosa hanno guadagnato? Immagine sicuramente ma una visualizzazione perlopiù maschile. Ciò dipende da tutte le immagini di belle ragazze che compongono il video. Vedere già una bella faccia come copertina video ti fa già cliccare sul video no?

    In più la Dove anzi la Unilever sta avendo grossi problemi di BAD MOUTH. Perchè? La Unilever è l'azienda che detiene i diritti di Dove e di AXE. Con uno cerca di vendere la vera bellezza, con l'altro l'Axe effect, per catturare tutte le donne che si vuole..

    E questo video gli sta portando diversi problemi.
    http://it.youtube.com/watch?v=3u6Qh099AK0&wat

    Ci sono ancora grosse lacune nel Viral Marketing e alcune non potranno mai essere colmate.

    I VIRUS NON POSSONO ESSERE COMANDATI…

    PER TUTTO IL RESTO CI SONO I VIRAL SEEDER

  4. Il problema è che l'aumento degli utenti del web 2.0 non è parallelo all'aumento di consapevolezza e conoscenza del mezzo. La rete è piena di polli perchè anche in questo ambito, non c'è 'consumo' consapevole.

  5. Pingback: viral per tutti at antisanti

  6. Pingback: Sfondare su Youtube « Scoprendo il Web2.0

  7. Pingback: LSDI : I video ‘’”virali”’’ e gli untori. Ovvero, come fregare YouTube e far diventare un proprio video un successo

  8. Pingback: Come indicizzare un Video – parte 2: il titolo - Video Virale

  9. Pingback: Come diffondere un video virale - Video Virale

  10. scusa ma se devo pagaree.. sono capaci tutt ie ch iha più soldi ti supera qundi per cortesia lascia stare non è un argomento che tu conosci

  11. ma veramente tu hai il tempo di fare false conversazioni tra utenti? ma evitiamo puttanate la rete è scopèpiata i vide ovirali sono controllati
    dalle multinazionali con miliardi di dollari di investimento..lascia perdere vai a funghi…

  12. …usare come esempi novella 2000? MA FALLA VINITA è UNA RIVISTA PUBBLICIZZATA IN TV CON MILIONI DI INVESTIMENTO MA PER CORRESIA FALLA FINITA

Leave a Reply to talentosprecato Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>