Ecco come rendere i propri video online un successo.

Generalmente non amo le formule magiche, le trovo ipersemplificazioni di realtà complesse che di solito vale la pena studiare in fondo e non appunto rendere ai minimi termini. Lo studio fatto da Tubemogul è però affascinate e la sintesi che è stata trovata, la formula per rendere una produzione video online un successo, mi trova sostanzialmente d’accordo. Per chi se lo fosse perso Tubemogul è un servizio online che offre due funzionalità complementari molto utili: upload di un video su più portali + il tracking delle view dello stesso. Lo usiamo in parte anche per N3TV, per spargere il seme dei nostri prodotti su YouTube e DailyMotion senza dover fisicamente andare ad uplodare ogni video sui singoli servizi. Tubemogul è aperto a molti altri motori di indicizzazione video ma noi abbiamo scelto questi due + i portali video italiani, scoperti da questo servizio. Ad ogni modo, Tubemogul traccia quotidianamente l’adamento di migliaia di video e per questo è riuscita a sintetizzare quelli che sono i fattori chiave del successo in una formula molto semplice:

“Secret Formula” – .50C + .15M + .20T + .15P = Success

Lo studio pubblicato è da leggere tutto e con grande attenzione, nella sostanza comunque gli elementi da considerare sono questi:

  • 50% Contenuti e produzione
    Il 50% del successo di un video è legato al suo contenuto ed in parte alla qualità della produzione. Sulle tipologie di contenuto che funzionano viene fatta una completa rassegna:

    • “Divertimento”, a tutti piacere divertirsi e far divertire i propri amici. Produrre un video umoristico non è solo motivo per essere visti da molta gente ma anche per far diventare un video virale: se mi è piaciuto e mi sono divertito manderò subito il link del video a tutti i miei amici innescando quindi un circolo virale.
    • “Avanguardia”, se in un video sono presenti delle scene che vanno oltre i limiti del consentito, soprattutto oltre i limiti da sempre accettati in TV, è molto probabile che diventi un successo.
    • “Talento”, video che mostrano persone particolarmente talentuose godono di un grandissimo fascino.
    • “Celebrità”, siamo affascinati dai volti famosi, un video che mostra un personaggio noto è più facile che venga diffuso.
    • “Kitsch “, ovvero l’apoteosi dell’ovvio, video che ritraggono Animali, Bambini, gente con problemi fisici, musiche ripetitive, effetti speciali etc. hanno una buona probabilità di sfondare le porte del successo.
    • “Sesso”, il caro vecchio sesso che funziona su ogni mezzo ed in ogni salsa.
  • 15% Metadati
    Uno degli elementi più noiosi nel processo di upload e diffusione di un video è quello del suo arricchimento semantico. In parole povere le tag e le categorie che si vanno ad associare ad ogni video. Avere un buon corredo di informazioni e piazzare un video dentro la giusta categoria è quasi sempre motivo di maggiore visibilità. D’altra parte, pensateci, un video è ancor oggi ricercabile solo grazie ai descrittori che chi uploada il video inserisce. Trattare con superficialità questo tema significa di fatto nascondere il proprio prodotto in un mare di altra roba.
  • 15% Promozione
    Sembra scontato dirlo, o forse stonato per il mezzo di cui stiamo parlando, ma organizzare una corretta e corposa promozione dei proprio prodotti pesa ben il 15% sul loro successo. Le modalità di promozione sono tante a partire dalla più classica e scontata che prevede il pagamento di discrete somme di denaro per vedere comparire il proprio video ad esempio sulla home page di YouTube. Ciò che funziona meglio però è un lavoro più aderente con le logiche della rete. Quasi tutti i portali video oltre ai più visti tendono a premiare anche i video più commentati, più condivisi, quelli che generano più conversazioni. Creare e coinvolgere il proprio “social network” nella discussione delle proprie produzioni può portare rapidamente un video a scalare le classifiche.
  • 20% Thumbnail
    Di questo elemento ci siamo accorti molto in fretta anche sul sito N3TV. Vale sempre la stessa motivazione: come fate a sapere cosa c’è dentro un video, se effettivamente vi interessa? Tag e metadati per cercarlo e una buona “copertina” per riuscire a colpo d’occhio ad individuare quel che vi potrebbe interessare. Ecco, una buona thumbnail, curata, significativa e sempre diversa aiuta terribilmente un video ad essere visto. Addirittura il 20% del suo successo è determinato da questo fattore.

Poche, semplici e chiare regole con i giusti pesi per portare un prodotto video ai vertici delle classifiche di gradimento. Non dimentichiamoci il fattore lingua. Purtroppo quello che produciamo qui in Italia non ha molte speranze di poter varcare così-com’è i confini nazionali. A questo proposito è importante ricordare che all’estero sono generalmente molto apprezzati i sottotitoli, da preferirsi al doppiaggio che snatura il vero senso del girato. Questo è quanto, vi rimando alla lettura dello studio completo che termina con una serie molto interessante di “Case Studies”. Se avete naturalmente qualche ingrediente segreto che volete aggiungere alla formula magica non esitate a metterlo sul piatto, stiamo tutti cercando di capire qual’è la direzione migliore.

— L’articolo sul Video Marketing di TubeMogul.

7 thoughts on “Ecco come rendere i propri video online un successo.

  1. sulla promozione casco un po' dalle nuvole, davvero per essere "featured" sulla home-page di youtube bisogna pagare?

    Io sapevo che gli editor di yt scelgono i video in base alle segnalazioni degli utenti..

    Per quanto riguarda la thumbnail sono stra-d'accordissimo.

    Credo che la modifica più apprezzata negli ultimi mesi tra gli utenti di YT sia proprio quella di permettere la scelta manuale dell'immagine di anteprima del video caricato.

  2. Pingback: Come un video online puň diventare un successo...anche nel nonprofit - Cinque punti per il successo di un video online

  3. Pingback: FUNDRAISING ON LINE #4 tre semplici opportunitĂ dal web + una « FARE FUNDRAISING

  4. Pingback: La sporca verità dietro i video virali: ecco come fregare YouTube e far diventare un proprio video un successo. | tommaso.tessarolo

  5. Ottima analisi! Le ricerche di noi Ninja ci hanno portato a sintetizzare gli elementi della formula cui ancora non abbiamo dato un preciso rapporto. Credo di poter dire che le variabili sono sinteticamente tre e sono V (viralità), V-DNA e S (seeding). Mi piace la metafora della formula magica! complimenti per l'alto livello dei contenuti. Un saluto

  6. I see you don’t monetize your site, don’t waste your traffic, you can earn extra bucks every month because you’ve got high quality content.

    If you want to know how to make extra $$$,
    search for: Boorfe’s tips best adsense alternative

Leave a Reply to Kiko Hattori Hanzo Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>