Ovi Sodi.

Ovi è una parola che in finlandese vuol dire porta, “originale” concetto per descrivere il punto d’ingresso, l’entrata. Il livello di originalità sfiora quello raggiunto anni or sono da Microsoft per il suo gioiello Windows, che in inglese vuol dire finestre, anche se il finlandese da un tocco di originalità in più.
ovi

Ad ogni modo Ovi è la nuova novità di Nokia, la porta d’ingresso verso il mondo Internet (Nokia e non solo) per una serie di nuovi cellulari concepiti con un solo e unico obiettivo: rompere l’incanto dell’iPhone rimarcando con forza chi è il più forte in questo settore. Il mondo online di Nokia è fatto di musica, giochi, video messaggi e più in generale di comunicazione. A supporto nuovi modelli di telefonini, più belli, capaci e potenti.

n95 tech Se si confronta il nuovo N95 8GB con il telefono Apple si capisce subito il livello impari dello scontro. Siamo di fronte a due terminali pensati per portare Internet e più in generale il mondo della comunicazione e dei servizi online in mobilità. Solo che il Nokia ha un GPS integrato con mappe di mezza europa, una fotocamera a 5 Megapixel, una videocamera a risoluzione VGA, l’uscita TV ed il supporto HDSPA che lo rendono una “macchina” di tutt’altro livello rispetto al neonato iPhone con il quale condivide comunque tutta la serie di caratteristiche “base” come il WiFi, un player Audio/Video integrato, un grande e brillantissimo schermo, oltre a 8 GB di memoria. Se poi la facilità d’accesso ai servizi Internet sarà effettivamente così semplice ed integrata come promesso la strada da fare per Apple è veramente ancora tantissima.

Ma continuo ad essere convinto che l’analisi da fare non debba limitarsi solo a questo tipo di considerazioni, a tutti gli effetti terribilmente tecniche ed interessanti solo per una fetta della popolazione degli utilizzatori di telefoni cellulari non poi così vasta. E’ fondamentale osservare il fenomeno da un punto di vista più ampio. Si è detto più volte come l’iPhone possa realizzare un effetto Halo per Apple stessa, trascinando con il suo successo la vendita di tutti i prodotti della mela. Ma io credo che quello che succederà con l’iPhone sarà frutto delle strategie evolutive del vero gioiello di casa Apple, l’iPod. Quanto più l’iPhone sarà un iPod che telefona tanto più avrà successo. Perché questo accada l’iPod dovrà diventare subito un iPhone che non telefona, ovvero un oggetto anch’esso fondato su MacOSX che possa essere pilotato con le dita, WiFi etc. In pratica se la formula ad oggi è questa: iPod = musica+video+giochi, iPhone = Internet+iPod+Telefono, in un prossimo futuro dovrà diventare iPod = Internet+musica+video+giochi, iPhone = iPod + Telefono.

In questo modo tutto si fonderà sugli stessi principi che stanno guidando il perdurante successo dell’iPod. Così “la gente” continuerà ad avere la stessa scelta, con un’opzione in più: il telefono. Forse è solo la momentanea distanza tra iPhone ed iPod che non ci fa vedere questa naturale evoluzione in maniera così chiara. Per cui se qui in Italia la versione dell’iPhone non ci soddisferà per “prestazioni telefoniche” compreremo la versione evoluta dell’iPod che ci farà fare le stesse cose dell’iPhone tranne il telefono. E se vorremmo avere meno ancora compreremo un nano, e ancora meno uno shuffle. Quando la revision 2 o 3 dell’iPhone supporterà HDSPA, monterà una buona videocamera e avrà un parco applicazioni e servizi ampio e consolidato, allora anche qui da noi in molti sceglieranno Apple per telefono.

n95

Ora, guardando la conferenza di presentazione di Ovi, trasmessa immancabilmente in diretta su Internet, la sensazione che Nokia abbia diversi timori mi è venuta forte. Il keynote è stato modesto, il ritmo basso, i presentatori impacciati, le novità non così clamorose. Ma, un elemento che è comunque emerso con forza dalla presentazione è stato: “noi abbiamo già una base installata di N decine di milioni di telefoni”. Nokia ha più volte voluto puntualizzare che lei è forte, che lei ha già tantissimi utenti fedeli e contenti. Anche Apple con l’iPod però non scherza. Non è vero che la base utenti di Apple per la telefonia è zero, la sua base utenti è quanto mento quella degli acquirenti di iPod. Con la musica e quindi con il video Apple è riuscita a creare uno stile, a fare tendenza, e nel contempo a semplificare la vita rendendola effettivamente migliore. Ecco, quando l’iPod diventerà l’iPhone che non telefona, molti utenti iPod ad un certo punto decideranno di comprarsi un iPod che telefona. E li saranno dolori.

L’integrazione che l’iPod/iPhone potrà avere con il mondo online (ed anche con il mondo PC) non potrà che essere di prim’ordine vista la già ottima evoluzione del sistema iTunes. Insomma Ovi sembra più la scoperta dell’acqua calda o, meglio, la mossa inevitabile che Nokia doveva fare per cominciare una dura e lunghissima battaglia con i gigante americano. Chi vincerà è impossibile dirlo, forse nessuno di netto, ma una cosa è certa: come sempre una situazione di estrema tensione e grande competitività vedrà gli utenti beneficiare di uno sviluppo più intenso dei prodotti sul mercato con un attenzione massima alle caratteristiche, all’usabilità, ai servizi ed al prezzo. E’ difficile che qualcuno mi farà rinunciare ad avere un Nokia come telefono ma onestamente trovo che fosse veramente ora che anche Nokia avesse un vero competitor con cui confrontarsi sui prodotti di alta fascia.

Technorati , , ,

13 thoughts on “Ovi Sodi.

  1. Stronzate… la Nokia non ha l'ecosistema di Apple… sono fermamente convinto che abbia del know-how insuperabile sulla telefonia, ma gli manca tutto il resto, non può competere.

    E poi la Nokia sono anni che si masturba con Symbian… se non passa a un sistema più customizzabile (e non parlo di loghi, suonerie e altre porcate che mette sui suoi portali, ma di abilitare gli altri a scrivere applicazioni senza bisogno dei suoi SDK) verrà macinata dalla convergenza.

    Insomma, grazie per avermi fatto sapere di questa novella perchè Tommaso… detto tra noi… ho iniziato a ridere e riderò per tutto il tempo in cui Nokia porterà avanti questo progetto :)

  2. secondo me effettivamente nokia si è abbastanza arenata da quando ha iniziato a montare symbian, ho sempre considerato i cellulari nokia dei terminali 'a prova di deficiente' perchè anche il più restìo alla tecnologia li poteva utilizzare perfettamente e questo era proprio il suo punto di forza, poi è arrivato symbian, non che un'evoluzione dei sistemi operativi dei cellulari fosse escludibile con tutte le funzioni che hanno iniziato a integre, però nonostante i 3aggiornamenti sw fatti sul mio N70 in un paio d'anni sapessi quante sono le volte che avrei scaraventato il cellulare a terra in preda alla rabbia perchè quotidianamente o non prende o si impalla o inizia a vibrare per una chiamata (e la vibrazione è quasi d'obbligo visto che a suo piacimento il cellulare non squilla) e non smette più finchè non togli la batteria, per non parlare dei tempi di accensione e delle durate della batteria, ho provato ad accendere in sincronia pc e cellulare e non ho visto troppa differenza coi tempi di apertura di windows, quindi avevo deciso, molto a malincuore, che il prossimo telefono non sarebbe stato un nokia, anche se ammetto di esservi tornato già poco dopo un'esperienza ancora peggiore di un paio di mesi con un iMate su cui operava Windows Mobile 5, ma questa è un'altra storia =)

    che dire quindi, se dai prossimi 'gioielli' nokia devo aspettarmi delle macchine con prestazioni pari a quelle di un vecchio 386 allora vada per l'iPhone, magari a livello di applicazioni sarà impacciato tanto quanto ma almeno sarà fico a vedersi deheheh

    saluti

  3. Nonostante alcune ricerche dimostrino che in un mercato importante (non come il nostro però) come quello UK la propensione è quella di avere un telefono più semplice

    http://www.themarketer.info/30-08-2007/fa-pure-il

    Non va sottovalutato il fatto che in mercati diversi da quello europeo Nokia sia in piena ascesa:
    http://news.zdnet.co.uk/communications/0,10000000

    Nell' ultimo quarter April-June Nokia ha venduto nel mondo 100.8 milioni di telefoni e ha un market share del 36.9. In pratica su 10 telefoni quasi 4 sono Nokia il resto se lo devono spartire le altre marche

    Inoltre andrebbe approfondito il fattore età: avere 30 anni o 20 potrebbe essere un fattore dirimente nella scelta di certi modelli. Il veloce avanzamento tecnologico

    e l'aumento delle funzioni nei telefoni cellulari potrebbe essere un fattore di invecchiamento precoce delle generazioni più "anziane" dove la scelta razionale e delle funzionalità viene via via soppiantata da quelle più giovani interessate all'estetica e a fattori emozionali.

  4. Pingback: I blog it » Blog Archive » Ovi un altro progetto inaccessibile

  5. @roberto tu dici che ho incosapevolmente attribuito più importanza all'inglese che al finlandese con quella maiuscola uscita per caso? E' interessante, sono sempre affascinato dai lapsus… (cmq grazie ho corretto)

  6. solo tu lo puoi sapere :)

    ma magari conosci bene l'inglese e sei stato influenzato dal fatto che sostantivi e aggettivi riferiti a nazioni o lingue si scrivono in maiuscolo. una semplice svista, insomma.

  7. Che palle!!! Ancora Roma contro Lazio!!

    Godiamoci il fatto che ci sia una sana concorrenza, che alla fine farà bene solo al consumatore finale. Poi, al solito, ciascuno sarà padrone delle su scelte, che è bene ricordare, sono insindacabili, perché i soldi sono i suoi.

    Io posseggo un N70 e un N71 (meglio) con cui ho realizzato cose egregie. La musica però l'ascolto con l'Ipod. Quando la Apple mi fornirà di una video-fotocamera superiore al Nokia, passerò all'I-Phone, stessa cosa, al contrario, per il Nokia, che musicalmente è una ciofeca, a partire dall'orrdio attacco cuffia. Fondamentale, sarà chi per primo si doterà di una vera presa microfonica. Come vedete, ciascuno ha le sue esigenze. Non siamo tutti uguali, per fortuna.

  8. Pingback: rubriche » Blog Archive » Ovi un altro progetto inaccessibile [I blog it (feed dei post)]

  9. Tommaso, ma allora questo OVI in che relazione lo metti con il sistema di Nokia che nel tuo libro presenti come ORB? Ne diventa una specie di "sito internet dedicato" al funzionamento specifico di questo sistema? oppure non ho capito bene cosa sia questa tecnologia ORB…

    ho appena finito il libro, è stato un buonissimo lavoro, grazie.

  10. mah… siamo alle solite… nasce un megaportale che per ora funziona solo con alcuni cellulari Nokia di fascia alta e poi domani si vedrà… la musica (è il caso di dirlo) non cambia.

    Nokia fa ottimi telefoni ma deve creare l'ennesimo portalone allinone… questa visione ripete schemi già visti… vedremo che utili porteranno a casa nei prossimi 2 anni.

  11. "…in un prossimo futuro dovrà diventare iPod = Internet+musica+video+giochi, iPhone = iPod + Telefono."

    05/09/2007: iPod touch con WiFi per Safari ed iTunes.

    Della serie: Tommaso San colpisce ancora! 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>