La TV bella si può avere dialogando con la gente, come fanno in radio.

Ho letto oggi (8 agosto) un breve articolo su La Stampa che riporta alcune dichiarazioni di Pippo Baudo riguardo i palinsesti estivi delle televisioni nazionali. Baudo si lamenta della carenza di buoni prodotti e dalla totale penuria di idee che popola la TV delle vacanze, quella fuori dal periodo di garanzia. E fin qui nulla di nuovo sotto il sole se non, aggiungo io, che ormai ci hanno levato pure i film di Totò e Alberto Sordi così da rendere il palinsesto veramente nullo (aspettiamo con pazienza dopo il revival della 500 e della 50 Special anche quello dei sani classici televisivi). Ciò che mi ha colpito delle dichiarazioni di Pippo è la strettissima vicinanza con quella che penso essere la vera essenza della NetTV: “Bisognerebbe creare uno studio aperto, anzi due o tre, attraverso cui dialogare con il pubblico. La TV è diversa dal cinema e dal teatro, deve restare sempre viva, in movimento, i telespettatori hanno bisogno di sentire che dall’altra parte c’è gente con cui confrontarsi. Perché i programmi radiofonici vanno benissimo in questo periodo? Perché gli speaker parlano con gli ascoltatori, li aggiornano li informano, con il ritmo vivace della vita che scorre.” etc. etc.

La NetTV cos’è se non conversazione fatta video, un miscuglio tra radio e blog, un nuovo modo di costruire il contenuto dialogando con lo spettatore? Pippo dichiara che ormai giunto alla maturità è pronto ad esperienze nuove, che non vuole fermarsi. Io sarei veramente curioso di vedere come potrebbe interpretare il nuovo vocabolario della NetTV un grande della TV come Baudo, son convinto ne verrebbe fuori qualcosa se non altro d’interessante.

Technorati

3 thoughts on “La TV bella si può avere dialogando con la gente, come fanno in radio.

  1. E' proprio grazie ai palinsesti televisivi estivi che benedico il mio abbonamento a SKY!!! :) Per quanto riguarda invece la televisione aperta al dialogo col pubblico, che piaccia o meno, Maurizio Costanzo lo ha già capito da tempo, su SKY Vivo da qualche mese e riprenderà a settembre dopo la pausa estiva, va in onda Stella, qualche ospite in studio e quattro famiglie collegate via webcam via internet da casa propria e con pieni poteri di interagire in trasmissione.

  2. Illimitati studi mobili con animatori che intrattengono e coinvolgono il pubblico e che lo rendono partecipe, dirette 24ore su 24, opinioni, giudizi, confronti,conclusioni. Uno scenario veramente interessante. In questo contesto però non mi interessa vedere come Pippo Baudo si colloca, personalmente sono stanco di vedere sempre le stesse facce in tv, spero che la Net TV porti una ventata di novità e che finalmente sia una vera opportunità per tutti coloro i quali, pur dotati e magari più bravi dei soliti mattatori, non avrebbero mai potuto esprimere le loro capacità perchè non opportunamente "immanicati" con questo o con quel dirigente.

    Insomma aria nuova a 360 gradi.

  3. Gia' esistono diversi sitemi per fare cio', si chiama videopartecipazione ed e' possibile per l'utente a casa partecipare ad un prgoramma tramite una webcam/videocamera/videofonino/etc.

    L'utente si vede in diretta nella trasmissione televisiva e parla di persona con i conduttori e tutti a casa vedono e sentono, proprio come in radio, ma con l'aggiunta del video.

    Sembra una bella idea, ma le TV non vogliono investire soldi (solo 100.000 euro) per fare cio' continuano con i soliti programmi "sicuri" perdendo sempre piu' odiens…..e scadendo sempre piu' in tv spazzatura….per non dire di peggio.

    Cmq sara' il futuro e come sempre in italia che siamo bravi, anzi molto bravi, a fare tecnologia di questo tipo (ve lo dice uno che lavora da anni nel settore) come al solito chi ha potere e soldi non investe facendo si che arriaviamo sempre tardi e di corsa con una concorrenza speitata di basso costo e livello e quindi con una sempre maggiore incapacita' dei dirigenti tv nel capire le nuove tecnologie in pregi e difetti, ma ci sarebbe ancora molto da dire, per il momento basta questo , riflettete, per il resto….bla bla bla…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>