La Pubblicità nei Video su Internet.

La nuova guerra è ora quella di come far soldi con il video su Internet. Prima porta i soldi, poi ragioniamo su tutto il resto, questo il tema. I fronti sono sostanzialmente due:

1) La pubblicità dentro il Web Video
2) La pubblicità dentro il materiale scaricato (Podcast, P2P, etc.)

I temi generali invece su cui si sta lavorando sono:

1) Aggregazione, per avere un’audience significativa per gli investitori
2) Personalizzazione, per aumentare il valore della pubblicità
3) Traccibilità, per consentire a chi investe di avere un feedback preciso sulle redemption delle campagne.

adv 2.0

Ci sono molte aziende, molti progetti neonati che stanno sperimentando diverse soluzioni per raggiungere questi obiettivi. Il versante più prolifico, quello su cui avremo più movimento nei prossimi mesi sarà quello della pubblicità dentro i video. Siamo partiti con semplici sistemi di Pre/Mid/Post Roll, ovvero con pubblicità infilate all’interno dei video in una modalità più o meno dinamica. Ci stiamo spostando ora vero sistemi per inserire pubblicità dinamicamente in una qualsiasi porzione del video purché contestuale ai temi trattati nello spot. Ci si sta concentrando su piccoli banner testuali in overlay da far apparire quando serve, cliccabili, con un rimando immediato al messaggio pubblicitario. Il video in questo caso viene messo in pausa per essere poi riavviato quando lo spettatore ha terminato con l’approfondimento.

Guardatevi la splendida animazione di ScanScout (una delle nuove realtà di questo segmento) per capire in maniera semplice di cosa stiamo parlando.

adv 2.0

L’aggregazione viene ricercata per trovare audience. Anche se le nicchie sono il nuovo target, comunque è necessario aggregare un numero significativo di spettatori per generare un vero interesse negli investitori. Ecco allora che sistemi alla AdSense, che Google sta sperimentando in questi giorni su YouTube, sono la chiave di volta. Con AdSense si programma una pubblicità mirata ad una zona, ad una tipologia di contenuto ed ad una fascia di pubblico, è poi il sistema a piazzarla laddove esistono contenuti appropriati. Così si ottiene il doppio risultato di personalizzazione e allargamento del target.

La tracciabilità, all’interno di sistemi di questo tipo è naturalmente un piacevole side effect. Oltre a Google e ScanScaut c’è da tenere sott’occhio anche Adapt.tv, altra newborn che si inserisce nel coro.

Più indietro, decisamente più indietro, è invece il versante dell’advertising su materiale scaricato. Anche qui la popolazione di aziende e progetti attivi è piuttosto vasta. Abbiamo già visto Hiro Media, c’è poi YuMe (che ho sentito in questi giorni), Media Defender e Skyrider. Tutti piuttosto in alto mare, fondamentalmente perché non si è riusciti ancora a svincolare la pubblicità nei download da un client proprietario. Solo con un client si ottiene l’effetto combinato di personalizzazione, aggregazione e tracciabilità sperato.

adv 2.0

C’è da dire che per questo secondo versante, quello dell’adv nei download, c’è un margine di tempo più ampio. E’ la redditività del materiale video online da ricercare per il momento, il resto seguirà quasi naturalmente.

Technorati , , , , , , ,

3 thoughts on “La Pubblicità nei Video su Internet.

  1. ciao,

    ti ho già scritto fra i commenti del post che annunciava l'uscita del tuo libro, che come prevedevo mi è stato piuttosto utile per capire un po' di problematiche connesse all'advertising nella NetTV, argomento verso cui tenderà la tesi triennale che sto preparando (studio comunicazione)..

    riguardo al tuo post, avevo scritto qualche pagina a dicembre immaginando un sistema di scambio peer2peer (p2p ibrido e non ristretto all'argomento NetTV, es il mulo) sostenuto dall'advertising, ragionato sulle tag informative (se è corretto chiamarle così) dei player che associano ad un mp3 l'immagine della copertina dell'album a cui appartiene;

    suppongo che se un mp3 può "portarsi dietro" un file.jpg possa farlo anche un file video no? credo che un file.jpg possa diventare un banner da sovraimpressione, un po' come succede con un file di sottotitoli se non sbaglio.

    quello che intendo, in due parole, è: se il formato video porta con se il suo jpg come banner "incorporato", perchè non programmare un client di distribuzione che sposti quei banner da un contenuto all'altro come meglio credono le leggi del marketing, PRIMA che il video arrivi sul disco di chi scarica? se A scarica da B il suo muletto cambia la jpg e se C scarica, il suo muletto cambierà ancora la jpg e via dicendo, rendendo il sistema targettizzabile, dinamico e soprattutto forse economicamente sostenibile (tramite vendita di adv).

    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi, da questo confuso disegno nasce lo spunto per la tesi che intendo scrivere, e se a proposito di tutto questo tu avessi da suggerirmi qualche altro link o punto di riferimento da consultare in materia di advertising e p2p te ne sarei grato.

    Ancora complimenti per il tuo blog..

    stako

  2. @Stako, quello che poni è un tema che nel libro è trattato, la tua soluzione che è ottima per dinamicizzare l’advertising ha però un grave problema: non riesce a risolvere le questioni legate alla personalizzazione + aggiornamento del’ADV nei video. Se, come tu proponi e come fanno già le companies citate nel post, si piazza un banner staticamente nel video prima di downloadarlo (anche se il banner è contestuale ai contenuti del video che si può essere taggato alla stregua di un file audio) quello stesso banner rimarrà immutato nei secoli una volta scaricato il contenuto da parte dello spettatore. Quindi se scarichi a Natale e rivedi a ferragosto ti becchi cmq il banner sulle vacanze invernali.

    Questo è il vero problema ancora aperto.

Leave a Reply to Tommaso Tessarolo Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>