Mediaset ha comprato Endemol.

3Dlogo E’ finito il balletto di indiscrezioni durato mesi, Endemol una delle più interessanti società di produzione di format al mondo è ora proprietà di Mediaset. Una inversione di tendenza veramente importante: si è riaperta l’era dove produrre contenuti originali farà la differenza. Il comunicato stampa.

Mediacinco Cartera SL, Cyrte Fund II B.V. e GS Capital Partners VI, L.P., hanno firmato un accordo con Telefonica per l’acquisto del 99.7% di Endemol Investment Holding BV che detiene il 75% della società operativa quotata Endemol NV.

L’operazione perfezionata oggi prevede un corrispettivo a Telefonica di 2.629 milioni di euro che include la valorizzazione delle attività e delle passività comprese nel perimetro oggetto della transazione. Tale ammontare esprime una valutazione implicita della società quotata (Endemol NV) di 25 euro per azione, inclusi i dividendi (0.45 euro per azione).

L’accordo prevede l’impegno da parte degli acquirenti a lanciare, appena possibile, un’Offerta pubblica di acquisto sul rimanente 25% del capitale sociale di Endemol NV a un prezzo pari ad almeno 25 euro per azione, inclusi i dividendi.

Sulla base della struttura finanziaria dell’operazione, Mediaset e Telecinco investiranno complessivamente fino a un massimo di circa 486 milioni di euro attraverso il veicolo Mediacinco Cartera SL controllato rispettivamente al 25% e al 75% dai due soci.

L’operazione è condizionata all’ottenimento delle necessarie approvazioni delle Autorità competenti.

Gli acquirenti sono stati assistiti nell’operazione da Mediobanca e Goldman Sachs International.
Technorati , , , ,

2 thoughts on “Mediaset ha comprato Endemol.

  1. Indubbiamente una scelta indovinata. Anzi, si potrebbe dire, daje e daje, alla fine l'hanno cpaito che il futuro è di i contenuti li produce.

    Però, però, però……e ora? Il dubbio amletico è: cosa ci fa ora Mediaset di Endemol? Perché questa società è diventata grande perché il suo attuale management è in gamba, ma se ora Mediaset, come prevedibile, mette uomini suoi, altera il delicato equilibrio che spesso sono la chiave del succeso di queste società. Peraltro, se Mediaset avesse già avuto al suo interno gente capace, che bisogno ci sarebbe stato di acquistare una Endemol? Al contrario, Mediaset ha dimostrato di non avere grandi capacità nelo sfornare format, e allora? mette dei meno capaci alla guida di persone capaci? Ma quelle se ne vanno subito. Insomma, uno strano paradosso. Per assurdo forse a mediaset converrebbe solo metterci i soldi.

    Ancora: se le cose milgiori Endemol le da a Mediaset, almeno in italia, il risultato economico diventa una partita di giro, ma così il business complessivo ne risente. Peraltro se vende a Rai rischia di far calare la pubblicità sui propri programmi. Dura la vita del top manager.

  2. Ma secondo me l'accordo va visto in un'ottica internazionale. Mediaset non sta investendo nulla da un po'. Questa mossa riporta la società su un palcoscenico internazionale. Diciamolo la grande capacità di Mediaset ha avuto risultati praticamente solo in Italia. Ora cambia il gioco. E' ovvio che le partite si giocheranno sui contenuti. Tanto i canali sono in aumento vertiginoso, ma le robe belle da vedere/sentire/seguire saranno poche e saranno quelle per cui la gente farà gli abbonamenti e tirerà fuori li sordi. Sono in pochi ad avere la capacità di produrre contenuti veramente interessanti. Endemol è un player in questo gioco.

    Se Mediaset vuol fare bene a mi avviso dovrebbe cercare di mettere il naso in Endemol senza distruggere il lavoro e cercare di non adeguare al gusto italico la produzione worldwide. E dovrebbe cercare di fare uscire Endemol dal gioco su nuove produzioni in Rai. Continuare i contratti in essere e lasciare lavorare Rai con altri. Rai farebbe bene a crearsi una casa di produzione propria andando a pescare tra i giovani e non stagisti fidazati di….

    Cerchiamo di uscire dal provincialismo italico e non guardiamo tutto sempre in ottica delle relazioni tra Silvio/Mediaset/Rai/Governo/politica.

    Non che ilproblema non sussista, ma a volte si può ragionare anche su altri fronti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>