Ragionando su quanto sia importante avere un Smart Video Player in Flash per il futuro della Net TV.

200703222028

Viene spesso trascurato nei discorsi sulla Net TV uno degli elementi centrali: il Player. E’ stata data molta importanza ai tempi all’innovativo sistema adottato da YouTube cosinderato da molti, me compreso, uno dei motivi tecnici più importanti del successo della madre di tutti i video portali.

Cioè che contraddistinse il Player YouTube furono due elementi fondamentali:

a) il suo essere in FLASH
b) il suo essere trasportabile

Oggi, che son passati oltre 18 mesi dalla nascita di YouTube, e che centinaia di cloni sono nati, queste caratteristiche non ci sembrano cosi sorprendenti. Sono semplicemente entrate nel set base che tutti i video portal portano a corredo.

Di fatto però riconsiderandoli anche oggi questi due ingredienti mantengono tutto il loro potere esplosivo. L’essere in FLASH consente ad un player di girare praticamente ovunque: il 98% dei browser Internet lo ha preinstallato, comincia ad essere presente (in versione light) in molti cellulari, ed è distribuibile in qualsiasi box Internet ready (il Wii con Opera è un esempio perfetto). Nessun problema di plug-in, nessun mal di testa per formati video incompatibili etc. Ed in più, essendo Flash nato per essere embeddato, è già naturalmente prediposto per essere trasportabile: possiamo copiare ed incollare video da un sito all’altro della rete, trattando il web come una grande clipboard. Semplice, immediato, efficace.

Qualsiasi servizio Net TV che oggi voglia proporsi non può esimersi dall’avere un player siffatto. E fin qua nulla di nuovo, un ripasso rapido delle basi. Quello che però comincia ad essere discusso, con mio massimo interesse, è come un player Flash possa evolvere per contemplare al suo interno tutte le funzionalità necessarie a racchiudere un servizio. Interessanti discussioni si leggono in questi giorni in cui è stata finalmente confermata la notizia di un progetto anti YouTube in fase di sviluppo da parte di NBC e News Corp. e dove NBC stessa ha annunciato di voler estendere la sua strategia Net TV chiamata 360 TV. Molto interessanti perché fanno capire a quanto si stia effettivamente pensando ad un player che omni-comprenda un servizio Net TV. Mi spiego meglio, portandovi quelli che sono gli esempi più concreti che potremmo veder nascere già nei prossimi mesi. Pensate ad un Player Flash come ad una appicazione Flash (non farete molta difficoltà perché dovrete pensare a quello che effettivamente è). Come applicazione, il Player, può incorporare al suo interno, funzionalità altre rispetto a quelle già oggi presenti, come ad esempio:

a) Syndication
b) Social
c) P2P
d) DRM

Procediamo una voce alla volta.

Per “Syndication” intendo quella funzionalità che permette ad un Player di fungere come “punto unico” per la distribuzione di un numero virtualmente infinito di canali video. E’ esattamente quello che già fa Brightcove con il suo Player: invece di avere un player per ogni video, si ha un player unico nel quale vengono “trasmessi” tutti i video di un canale. Per rendere più user friendly il tutto si possono incorporare funzionalità che consentano allo spettatore di sceglire quale (o quali) video visualizzare: pensate ad un bottone in una mini toolbar che, una volta cliccato, apra un menu in overlay dove viene presentato il palinsesto allo spettatore. Semplice, potente, ed integrato. Un solo entry point per un numero infinito di canali.

Per “Social” invece intendo tutte quelle funzionalità che permetto all’utente di condividere l’esperienza di visione con altri utenti. Sempre nella già ipotizzata mini toolbar da inserire nel player, si potrebbero mettere due bottoni: uno che apra una chat, grazie alla quale condividere in real time l’esperienza, ed uno che apra un “centro messaggi“, tale e quale a quello presente in ogni forum o blog (i commenti).

Per “P2P” intendo peer-to-peer, cos’altro altrimenti? Su questo tema ho già dato un’anticipazione qualche mese fa (il link a fondo post) di come si già in programma, probabilmente per la prossima major release, l’introduzione di una base P2P direttamente all’interno di Flash. Non ripeto le considerazioni già fatte, ma è evidente che in questo modo si disintegra il problema della distribuzione, anche a questo livello.

Per “DRM” intendo quel maledetto ma necessario strumento software che consente di incapsulare i video “proteggendoli” da un uso non consentito. Che poi sia un super DRM pensato per sigillare l’universo o un DRM light concepito solo per contare chi guarda cosa, non è importante ai fini di questo ragionamento. Se un Player Flash ha la possibilità di inserire (di pluggare) un DRM si aprono le porte per certe tipologie di contenuti.

Qualcuno se ne sarà accorto: così procedendo (e, credetemi, così si procederà), andremo a creare tanti piccoli-grandi Joost, da spargere ovunque ci sia una rete ed un oggetto con Flash incorporato. Joost è un entry point unico per canali multipli, con funzionalità social in overlay, distribuzione in P2P e predisposto per il DRM. Solo che rinchiudere tutti questi ingredienti in un più agile, comodo e trasportabile Player Flash potrebbe risultare la mossa vincente per chi vuole, passatemi il termine, salvare capra e cavoli, ovvero avere tutta la potenza di un canale di distribuzione complesso come Joost, con l’agilità di un Player alla YouTube, che rimarrebbe comunque ancorato ai due capisaldi descritti ad inizio post (quasi-universalità e trasportabilità).

Ciò che più si avvicina a questa idea oggi è il sistema-player (già citato) di Brightcove che purtroppo difetta clamorosamente di una anche minima gestione dei Podcast. Male, perché il supporto ai Podcast è centrale per lo sviluppo della Net TV, ma comunque interessantisimo perché mostra con grande evidenza come un intero mondo Net TV possa essere rinchiuso in un piccolo rettangolo.

Qui finisce per il momento il mio ragionamento. Voi piuttosto, avete altre idee di cosa si potrebbe inserire in questi nuovi mini-macro-mondi Net TV? (per altro, se c’è qualcuno che smanetta con Flash e vuol fare delle prove in questa direzione, sarà divertente fare dei test)

— NBC e NewsCorp. costruiscono l’anti Google (Comunicato Stampa).
— La nuova strategia online di NBC: TV 360.
— La prossima versione di Flash sarà P2P?
— La piattaforma di Brightcove.

Technorati , , , , , , , ,

4 thoughts on “Ragionando su quanto sia importante avere un Smart Video Player in Flash per il futuro della Net TV.

  1. Se il client flash includerà un motore P2P, pensate che il vantaggio in termini di scalabilità si avranno solo mentre più utenti guardano lo stesso video (come penso sia), oppure è possibile che il player Flash salvi dei file di cache in locale e continui a distribuirli anche quando l'utente non sta più visualizzando alcun video (immagino con un qualche demone che rimane attivo)? Avrebbero sicuramente conseguenze diverse…

  2. Se vogliamo goderci sulla tv e non solo sullo schermo del pc la NetTV diffusa via Flash Player (YT, Brighcove, Revver, SplashCast?, TuoVideo?, ecc.), credo sia fondamentale il fatto che i box come la AppleTV (o quello che sta nascendo in Rai per legarci ad un tema caldo), debbano supportare il formato flash.

    Attualmente, per quanto ne so, mi sembra che solo le console (Wii, XboX, PS3) lo facciano, o sbaglio?

    Poi, il capitolo Apollo e flash P2P è davvero interessante…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>