E’ ufficiale NBC Universal e News Corp hanno dato vita ad una nuova mega distribuzione video per combattere il dominio di Google.

Dopo mesi di false notizie, giorni di indiscrezioni sussurrate, ora è ufficiale: News Corporation e NBC Universal hanno dato vita al più grande progetto online per la distribuzione di video, il cosiddetto progetto Anti-YouTue.

Il progetto sembra ben pensato: verranno usate AOL, MSN, MySpace e Yahoo! come piattaforme di distribuzione cosi da raggiuntere il 96% dell’udience Internet Video complessiva negli USA.

Al lancio saranno già disponibili questi titoli (niente male!): Heroes, 24, House, My Name Is Earl, Saturday Night Live, Friday Night Lights, The Riches, 30 Rock, The Simpsons, The Tonight Show, Prison Break, Are You Smarter than a 5th Grader and Top Chef.

In più gli studios metteranno a disposizione i loro programmi più significativi delle rispettive library, in modalità completamente gratuita grazie all’introduzione dell’immancabile advertising.

Verranno erogati servizi di personalizzazione per gli utenti come la possibilità di gestire playlist, mashups, e la ricerca delle video library.

Ogni piattaforma che ospiterà questa mega distribuzione avrà un player con un look & feel suo proprio, cosi da integrarsi perfettamente nella comunicazione esistente.

Per gestire il tutto verrà creata una nuova società con sedi a New York City e Los Angeles. Roboanti le dichiarazioni, grande entusiasmo. Google tace, per il momento, occupata a preparare la difesa per i 1.5 milardi di dollari chiesti da Viacom (altro attore fuori dal coro).

— Il comunicato stampa.

Technorati , , ,

2 thoughts on “E’ ufficiale NBC Universal e News Corp hanno dato vita ad una nuova mega distribuzione video per combattere il dominio di Google.

  1. Pietro ovviamente ci becchiamo tutto il geo filtering del mondo, anche se sai che non è un grosso problema superarlo.

    Questo uno stralcio dell'intervista fatta in audio conf a NBC Universal CEO Jeff Zucker e News Corp. COO Peter Chernin da un pool di giornalisti e blogger USA, e riportata da Techcrunch (che partecipava alla conf):

    Any plans to focus outside of U.S.? Do you think that this will hurt broadcast revenue?

    – U.S. is focus for now. They believe this will not cannibalize broadcast revenues.

    Asking about pay per view movies. What will be for sale v. free?

    – most movies will be available for sale. Some deep content will be free.

    – Some TV content will not be free either. If on iTunes for pay, will also be for sale there. Pricing will be like MovieLink, iTunes, etc.

    What will be free then?

    – “most will be for free”. They were really hazy on answers here.

    will it take user generated content?

    – yes.

    Will this be fully open to user generated content? On movie side, are they looking to have movies done as downloads, streams, or what format?

    – there will be user generated material, but focus is on premium content, and that’s the value proposition

    – with films, looking to download to own model

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>