Le scimmie con il telefonino e il monolito WiMax.

L’avvento del WiMax si avvicina sempre di più e credo sia importante continuare a spendere parole sull’argomento prima che vengano rilasciate le prime frequenze destinate a questa tecnologia. Non tanto per il WiMax di per se ma per ciò che rappresenta nel campo delle trasmissioni radio digitali: seppure giovane, è l’anello di congiunzione tra il vecchio packet radioamatoriale e il DTT, tra la trasmissione dati personale e la trasmissione dati industriale. Ed è una convergenza che rende questa tecnologia scomoda, perchè pone un grande punto interrogativo sulle teste di tutti coloro che erano già imbarcati in altre avventure tecnologiche analoghe e contigue. Nessuna tecnologia prima d’ora ha avuto la capacità di far convergere due approcci alle comunicazioni radio così distanti tra loro, di far collassare uno sopra all’altro mercati un tempo completamente divisi, e di trasformare per la prima volta la teletrasmissione in telecomunicazione reale, che come la comunicazione de visu è simmetrica e basata sulla mutua comprensione tra interlocutori; ma soprattuto di metterla alla portata di tutti grazie alla sua economicità. Dico che il WiMax è il primo per vari motivi: la TV è economica ma non è telecomunicazione perchè è asimmetrica e per questo senza possibilità della costante reciproca comprensione tra le parti del sistema comunicativo che caratterizza la comunicazione naturale; Internet è telecomunicazione, ma le tecnologie impiegate fino ad ora – il cavo – sono estremamente costose, al punto che il problema più grande che il Ministro Gentiloni sta affrontando in questi giorni è proprio di trovare un modo per garantire la remunerabilità degli eventuali investimenti sulla rete (obsolescente), e tecnologie asimmetriche nella stragrande maggioranza dei casi; i telefonini potrebbero essere considerati dei precursori a livello applicativo, se non fosse che gli operatori ne hanno strangolato le già poche potenzialità culturali tassando sistematicamente qualsiasi uso se ne potesse fare, e in ogni caso a livello infrastrutturale sono troppo costosi. Invece con chi in questo momento sta pensando al WiFi voglio comunicare con una metafora: mentre il WiFi era un feto con alcuni organi ancora non autonomi – come ad esempio l’incapacità di garantire i livelli desiderati di qualità – il WiMax è un bambino; infante, ma completo di tutte le sue funzioni vitali e con grandi potenzialità.

Il WiMax però attualmente ha un difetto e due problemi.

Il difetto è comune a tutte le tecnologie di trasmissione digitale via radio; ponendo gli attributi di queste tecnologie su una linea immaginaria che va dalla fisica all’economia otteniamo una semiretta: inesorabilmente limitata dal lato della fisica delle onde elettromagnetiche, illimitata dal lato dell’economia. Infatti grazie a varie amenità da scienziati – Teorema di Fourier, Teorema di Shannon-Nyquist, etc – sappiamo che esistono dei limiti fisici invalicabili sui quali possiamo, e non senza sacrificio, solo lavorare per avere al più spazi di manovra leggermente più ampi. Cosa centra con il WiMax? Con un approccio tradizionale, e tenendo conto del fatto che la quantità di frequenza non è illimitata, così come del fatto che il numero di dispositivi da mettere in rete e quindi la densità di questi dispositivi sul territorio è in costante aumento (computer, telefoni, automobili … sensori d’allarme, frigoriferi, lavatrici), viene da se che per soddisfare le necessità di comunicazione dobbiamo aumentare la capillarità delle antenne sul territorio. A questo punto sorge però un problema economico: se la fruizione dei nostri tetti diventa un elemento fondamentale imprescindibile dall’attività dell’operatore, perchè dobbiamo concederne l’uso gratuito agli operatori che ci faranno poi pagare la bolletta usando oltretutto lo spettro radio (bene pubblico indisponibile)? E’ chiaro che sopraggiunge anche qui, come sul cavo, un problema di remunerazione degli operatori; problema che, sempre con l’approccio tradizionale, non può essere risolto a meno di obbligare amministrativamente i cittadini a farlo e quindi aumentare l’iniquità dei governanti nei confronti dei governati. Un’operazione che mina le fondamenta del patto sociale e alimenta inevitabilmente derive anarcoidi pericolosissime, ma originate in questo caso da una sottrazione totalitaria e ingiustificabile di un bene pubblico ai cittadini tutti, e per farne oligopoli di cui pochissimi possono godere. Il primo problema, amministrativo, è di carattere ben più generale e riguarda le frequenze: lo spettro radio è una risorsa limitata ma non esauribile, come gestirla per farne l’uso più profittevole?

Senza un progetto a lunga scadenza che permetta un riordino graduale ma totale dello spettro radio il WiMax rischia di non avere frequenze su cui operare; o comunque di doversi accontentare degli scarti, recuperati a fatica passo dopo passo su segmenti di frequenze distanti tra loro o limitanti le capacità esprimibili dalla tecnologia, come sta accadendo per questa prima banda di frequenze auspicabilmente a disposizione nei prossimi mesi (frequenze che limitano la capacità del WiMax di saltare gli ostacoli). Il secondo problema invece è di natura sociale: una società basata su un etica estremamente solipsistica non riesce a fare sistema, a lavorare secondo le necessarie logiche di convergenza piuttosto che in base a scontri continui promossi a modus operandi standard.

Nei mesi scorsi ho sondato approfonditamente il problema delle TLC interagendo, senza fare sconti a nessuno, con una parte dell’industria nostrana e rilevando una situazione disastrosa. I grandi operatori (fissi e mobili) si limitano a manovrare in silenzio dietro le quinte i fili della politica, questo per determinare a priori un quadro normativo a loro più congeniale possibile; come nella migliore tradizione italiana. I piccoli operatori invece, stremati da anni di mercato profondamente malato – il loro unico fornitore possibile è anche il loro competitor più pericoloso – non hanno dimostrato ne capacità di generare nuove strategie, ne le capacità di aggregazione necessarie a rendersi indipendenti; si limitano dunque a cercare di replicare i pattern dei player più grandi – premere sulla politica – senza però averne le possibilità e dunque fallendo sistematicamente; anche questi dunque seguono la tradizione. Le aziende italiane fornitori degli operatori sono in genere schiacciate nella fossa a più basso valore aggiunto di tutta la catena del valore (system integration) in quanto da un lato (brevetti) sono bloccate dai loro fornitori in genere esteri (Microsoft, IBM, Cisco, etc), e dall’altro lato (providing) dai loro stessi clienti. Nel caso del WiMax (un canale impiega 20Mhz) tutti dunque vogliono la possibilità di usare in regime di licenza individuale (uso esclusivo) una fetta dei 35+35 Mhz che saranno rilasciati nei prossimi mesi ma è fisicamente impossibile che ciò avvenga e dunque la competizione autolesionista potrebbe facilmente creare, nella migliore delle ipotesi, poche piccole vittorie di Pirro.

Al difetto e al primo dei due problemi c’è una soluzione: l’Open Spectrum di David P. Reed, e il conseguente Wireless Commons.

Ma più di una soluzione si tratta di una rivoluzione perchè, come gli altri commons e teorie analoghe – ad esempio, in tema di proprietà intellettuale, gli Alternative Compensation Systems studiati dal Prof. William Terry Fisher della prestigiosa Harward Law School – si tratta di passare da un valore misurato in scarsità, ad un valore misurato in abbondanza. Quando si parla di Informazione è infatti possibile elevare a potenza il valore aggiunto semplicemente garantendo l’uso no-profit delle materie prime – ad esempio lo spettro radio e la proprietà intellettuale – per poi in seconda istanza privatizzare, e dunque monetizzare, l’enorme quantità di valore prodotto dalla naturale collaborazione tra animali sociali. Nel caso del WiMax la strategia che potrebbe portarci addirittura ad un nuovo boom economico – ricordo che le telecomunicazioni incidono sul 40% del PIL – consisterebbe nel creare una normativa che consenta l’uso libero di questa prima piccola banda di frequenze e al contempo però costringa ad un uso collaborativo delle stesse per formare un’unica rete dati. Questo consentirebbe di lasciare in pasto all’ingegno italico una piccola porzione di risorsa su cui i nostri ragazzi possano sperimentare, ingegnerizzare tecnologia nostra, creare dei nostri modelli di business, e così diffondere la cultura dell’Informazione di cui ha bisogno la nostra popolazione. In seconda istanza, cioè quando saranno liberate le pregiatissime frequenze utilizzate per la televisione analogica oramai in phasing-out, replicare i modelli sperimentati per creare una rete dati unica – a cui integrare, perchè no, anche le reti digitali di broadcasting fintanto che queste avranno più prestazioni streaming A/V di quante ne possa esprimere una tecnologia simmetrica – di cui verrebbero date in concessione, in un ottica lucrativa, non le frequenze necessarie a formare la rete, ma piuttosto la sua capacità trasmissiva. Infatti il valore reale di una rete di comunicazione non è nei cavi o nelle frequenze, ma è sia nella capacità intrinseca che questi hanno di trasportare l’informazione, sia nell’informazione stessa – i contenuti – che la rete trasporta. Se la capacità trasmissiva è maggiore, maggiori sono le risorse date in concessione agli operatori e maggiore è la velocità con cui si crea cultura e benessere nel nostro Paese.

Purtroppo per noi però questa è una cultura, come ho delineato nel secondo problema su esposto e come appare ancora più evidente guardando ai 400 milioni che la Difesa ha chiesto alle Comunicazioni per quelle frquenze, che non abbiamo: confondiamo la collaborazione (piano sociale) con la comunione dei beni (piano economico) e questo ci priva di qualunque possibilità di collaborare per avere di più. Temo dunque che anche questa volta – come fu con le radio di quartiere, con le TV di quartiere e con l’Italian Crackdown delle BBS – assisteremo alla distruzione totale di qualsiasi possibilità del nostro popolo di creare rapidamente una diffusa Cultura dell’Informazione di cui far godere i nostri figli. Nel lasciarvi chiedo a voi: se quando eravate ragazzi aveste avuto la possibilità di cimentarvi al microfono di una radio di quartiere, o di giocare davanti ad una telecamera, o magari di incontrare molti più compagni di avventure grazie alla rete Fidonet precursore di Internet, oggi gli interessi telematici dei vostri figli sarebbero limitati ai loghi, le suonerie per i cellulari e il download selvaggio?

Mik Ho letto diversi articoli di Michele Favara Pedarsi su Punto Informatico che ho trovato illuminati. Ho chiesto a Michele se gli andava di fare quattro chiacchiere con i lettori di questo blog per illustrare le sue tesi, che riguardano anche il futuro della TV. Quello che avete letto è il suo post. Michele è nato a Roma l’anno in cui si sono succeduti 3 papi. Folgorato dal suo C=64 in tenera età, ha frequentato Ingegneria Informatica a Tor Vergata, lavorato come sistemista unix per un decennio, insegnato cablaggi strutturati in ogni angolo del Paese e scritto saltuariamente per Punto Informatico. Negli ultimi anni la sua attenzione si è focalizzata sulle tecnologie wireless, sulle quali di recente ha iniziato la costruzione di un centro di competenza.

Technorati , , , , , , , , , , , ,

4 thoughts on “Le scimmie con il telefonino e il monolito WiMax.

  1. manca un solo piccolo appunto a questa bellissimo post che, grazie a Tommaso, abbiamo avuto la possibilità di leggere: la miopia della classe politica e/o ignoranza sulla materia e questo si evince dalle modalità di assegnazione delle frequenze wimax su base regionale im quantità troppo scarsa e ad un prezzo, quello richiesto dal min.difesa del tutto esorbitante… Inoltre manca del tutto la visione di un progetto paese e di un vero ruolo di intervento dello Stato sopratutto per la mancata integrazione tra wimax e dtt. Tutto questo si collega ovviamente al destino dell'incumbent tlc, telecom italia, e a quello parallelo del servizio pubblico radiotelevisivo e sopratutto della sua rete di trasmissione Rai Way, che potrebbe, è una mia idea,ma condivisa anche in sede Agcom, servire proprio da volano di sistema insiema a provider pubblici regionali e locali e privati per costruire quel sistema comunicativo di cui parla Michele un'idea che condivivo al cento per cento. Purtroppo mi risulta che il Min. del Tesoro sta trattando, crisi di governo permettendo, la vendita di Rai Way ad un pool di banche alla faccia del sistema paese, come al solito privatizzare per ramazzare un pò di soldi, lasciando ai privati risosrse pubbliche da sfruttare nel settore delle frequenze e dei ponti di trasmissione. Curiosamente Alfonso Fuggetta, come segnala Stefano Quintarelli, ci spiega in questo post
    http://www.alfonsofuggetta.org/?p=1203
    quale dovrebbe essere l'intervento dello Stato nel settore delle tlc e della tecnologia, oggi fondamentale per la crescita del paese e per non farci diventare un paese di ignoranti tecnologici, classe di lavoratori poveri perchè non preparati nella disciplina più richiesta e sempere più richiesta dalle imprese di tutto il mondo. un caro saluto a te tommaso.

  2. Internet si è rivelata essere una nassa per tutte quelle aziende che l'hanno sospinta negli anni '90. Oggi buona parte della responsabilità la hanno le aziende, non tanto la politica. Usando una metafora orientale, quella del TuttoSottoIlCielo, in questo sistema le aziende sono yang e la politica yin: sono le aziende che premono e trascinano (yang) la politica verso le soluzioni a loro più congeniali, che purtroppo però non sono quelle dell'intero sistema; la politica a tratti le asseconda in toto, a tratti cerca di svincolarsi con sotterfugi (yin). Non sto dicendo, rispecchiando un sentore popolare sempre più diffuso, che le aziende sono i cattivi di questa nostra storia. Dico soltanto che le due componenti non sono considerabili separatamente l'una dall'altra e, come purtroppo si tende troppo spesso a fare, non è possibile fermarsi alla superficie del sistema (additando la politica ad oltranza). La politica è paralizzata dall'impossibilità estremamente materiale di riempire istantaneamente il vuoto economico lasciato dalla cosiddetta "convergenza" e soprattutto dalla "disintermediazione" che questa nostra Grande Rete ha creato. Per un'azienda qualsiasi soluzione che diminuisca i profitti, anche solo temporaneamente, è inaccettabile (cessa il motivo stesso della sua esistenza) e quindi continuerà a premere, premere, premere in tutt'altra direzione; e le aziende del settore sono tutte legate tra loro, se una cade nel buco nero se le trascina tutte dietro… la politica non può che limitarsi ad "assecondare questa pressione, il meno possibile", ma è un'operazione che non basta ad instradarci verso i percorsi di normalizzazione di cui abbiamo bisogno; a nessuno fa piacere trovarsi davanti agli aut-aut, ma così non si cambia rotta e se non si cambia rotta la direzione presa porta alla sudditanza di cui parla Carlo Alberto. E' paralisi sistemica, non colpa di questa o quell'altra componente della società.

  3. Veramente un bell'articolo, condivido a pieno le potenzialità rivoluzionarie del WiMax e comprendo i timori espressi da tutti voi. Purtroppo l'Italia si distingue per il suo sistema di lobby, stento fortemente ad immaginare la totale apertura del governo a soluzioni che andrebbero ad intaccare pesantissimamente i bilanci di alcuni colossi nostrani (Telecom, TIM) ed altri passati in mani straniere (Vodafone, Wind, ecc.). E' anche vero il fatto che se si procede così, con una chiusura pressochè totale alle innovazioni drastiche e rivoluzionarie, non si va da nessuna parte, si continuerà a perdere metri e metri dal resto del mondo industrializzato.

    Ricordo un vecchio post di Tommaso sui telefonini 3 X-series diffusi in UK, telefoni che basano il proprio modello di business sulla vendita di banda, poi usatela come vi pare. Modello applicabile anche ad un eventuale gestore WiMax, solo che siamo sicuri che i vari attori succitati sarebbero contenti di mollare la presa sui milioni di € che derivano dal traffico Voce, dagli SMS…e così via!

    Secondo voi in Italia, paese che non è stato in grado di applicare le raccomandazioni europee, nel business delle telecomunicazioni mobili, sulle chiare distinzioni richieste, in caso di business a rete, tra il gestore della rete ed il gestore del servizio, cosa che invece è stata fatta da tempo in UK (con conseguente proliferare di MVNO ed immediato risparmio per il consumatore in termini di costo e guadagno per lo stesso in termini di QoS), sarà mai possibile vedere un uso del WiMax in pieno "commons style"?

    A me piace sognare….ma ci vorrebbe un'altra rivoluzione….

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>