Ecco perché SKY va su Digitale Terrestre.

Dopo l’annuncio di SKY di un’offerta Digitale Terrestre in Inghilterra la prossima estate, la domanda sui perché di questa operazione continua ad essere discussa. Io in una prima analisi avevo individuato almeno due buoni motivi nel fatto che il DTT entro il 2012 sarà comunque lo standard digitale più diffuso in Europa, e nella capacità di localizzare le emissioni che il Digitale Terrestre permette a differenza del satellite. Ma la risposta non era ancora del tutto convincente. Ho chiesto allora alle mie “vecchie” conoscenze inglesi al DVB, che mi hanno risposto chiedendo comunque di rimanere anonimi (amen):

Molta gente in UK che vuole SKY e che può mermettersi SKY, di fatto ha già SKY. I motivi di questa offerta potrebbero essere:

  • Qualcuno che non ha la possibilità di installare una parabola, quindi è interessato al terrestre.
  • E’ un offerta sostanzialmente più economica di SKY satellitare, quindi potrebbe essere interessante per chi crede che SKY costi troppo, o semplicemente per chi oggi non può permettersela. Non ho visto nessun annuncio sui prezzi di questo servizio. SKY in epoca recente si è concentrata prevalentemente sul cercare di rendere più profittevoli i suoi attuali clienti piuttosto che su acquisirne dei nuovi.
Il concetto è semplice: SKY va su Digitale Terrestre perché non cresce più. Non ha più margini per catturare nuovi clienti ed il suo modello di business non prevede che possa variare i costi dell’offerta. E allora cosa fare? Come sempre avviene nelle migliori strategie, ci si comincia a fare concorrenza da soli. Sembra assurdo, ma in realtà è la soluzione più convincente. Se ci si riflette bene si capisce perché. SKY ha creato un “bisogno inesprimibile” per molta gente: vorrei tanto avere SKY ma non me lo posso permettere. Ci sarebbe molta gente che passerebbe a SKY se costasse di meno. E allora che fare? Andare su un’altra piattaforma, più economica, con un offerta “light”. In questo modo si cattura tutta la fascia del “vorrei ma non posso”, tenendo comunque fedele la clientela classica che rimarrebbe ad avere un’offerta “full features“. L’offerta per i ricchi, sulla piattaforma più costosa, quella per i poveri su quella più conveniente. Così si fanno contenti tutti e si conquistano nuove fette di mercato.

Technorati , , , , , , , ,

2 thoughts on “Ecco perché SKY va su Digitale Terrestre.

  1. ok ma c'è una cosa che non capisco… sky ha in UK qualcosa come 350 canali, più o meno. La banda disponibile per singoli operatori sul digitale terrestre è tale da permettere la trasmissione di un numero molto inferiore di canali. Dipende come vengono allocate le frequenze, ma penso intorno alla decina.

    Se è effettivamente così, l'offerta di sky sul DTT sarebbe molto, troppo light. Non ci starebbero nemmeno i canali di SKY (sky news, sport, movie), figurarsi i canali cosiddetti "terzi".

    MI sembrerebbe quindi un modello molto contrastante con la filosofia di sky, che basa buona parte del proprio appeal proprio sulla vastità dell'offerta.

  2. Che bello: se lo faranno anche in Italia dovrò aspettarmi una valanga di lettere e di telefonate negli orari più assurdi anche per per Sky DDT?

    Per il satellite già lo fanno: magari mi classificheranno nella categoria degli spiantati e mi bombarderanno solo con l'offerta DDT per spiantati?

    Secondo te se metto in piedi un centralino automatizzato che chiama tutti i numeri di telefono di Sky che riesco a trovare e gli fa ascoltare un mio messaggio dove dico:"facciamo un patto: voi la smettete di rompermi le @@ con lettere e telefonate e io la smetto di farvi ascoltare questo messaggio" se la prendono male? :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>