SKY lancia un’offerta su Digitale Terrestre.

200702091228
Vediamo se i pezzi cominciano ad incastrarsi anche a voi. Io un’idea sul disegno complessivo me la sono già fatta. La notizia è di ieri: SKY a giugno lancerà in Inghilterra un’offerta di canali su piattaforma Digitale Terrestre. I canali che verranno lanciati saranno probabilmente quattro (non si conoscono ancora i dettagli). Di certo da subito i canali Sky Three, Sky News e Sky Sports News sono stati eliminati dal bouquet della piattaforma Digitale Terrestre FreeView, diventata ormai una concorrente.

Il progetto di SKY è molto preciso: l’offerta sarà ad abbonamento, quindi come una normale sottoscrizione SKY. Gli utenti dovranno dotarsi di un decoder DTT SKY che userà la tecnologia MPEG4 per comprimere il video. Quindi un grande vantaggio rispetto a chi usa per comprimere il video l’MPEG2, come noi qui in Italia su tutti i decoder DTT. L’MPEG4 fa risparmiare una quantità di banda più che sufficiente ad abilitare anche un offerta in Alta Definizione. Peccato, ed è importante sottolinearlo, che l’utilizzo del MPEG4 non è conforme alle specifiche del DVB che, essendo ormai un dinosauro, prevede l’utilizzo del MPEG2 (tra le altre cose con l’MPEG4 non è veicolabile l’MHP che necessita dei Transport Stream propri solo del MPEG2, quindi anche l’interattività se ci sarà, avrà un sistema proprietario).

Quindi decoder proprietario, chiuso, con il sistema di Conditional Access di NDS, ed un rapporto con gli utenti regolato non in modalità Pay per View, come qui da noi, ma con la formula dell’abbonamento. Cosa si vedrà? Non si sa di preciso, ma di certo ci saranno le partite della Premier League, le News ed i Film.

Perché usare il Digitale Terrestre? Perché in prospettiva è molto più pervasivo. Essendo destinato ad essere il nuovo standard per la TV “classica” il DTT entrerà molto probabilmente dentro tutte le case inglesi entro il 2012. Questo significa che impianti di trasmissione, ed apparati verranno tutti adeguati per raggiungere questo obiettivo. Ma non solo, perché il Digitale Terrestre a differenza del satellite ha il grande vantaggio di poter localizzare le emissioni. Ovvero è possibile trasmettere contenuti differenti per differenti zone del territorio (sempre che rientri in ciò che è consentito dalle regolamentazioni in materia). Agire sul locale per distribuire informazioni e pubblicità contestuali al territorio è un grandissimo vantaggio.

Quindi, il tanto chiacchierato DTT, è più vivo che mai e rientra a pieno nei piani dei maggiori gruppi industriali. Almeno qui in Europa. SKY sul fronte Italiano ha appena acceso lo scontro: spingendo per far si che i Brodcaster debbano loro ritornare i soldi per un finanziamento ritenuto non equo. Ma SKY chiede anche che non essendo più lei in regime di monopolio, perché anche Mediaset e La7 hanno una piattaforma di Pay TV digitale, le vengano tolti i vincoli imposti dall’Unione Europea, tra i quali l’inibizione a trasmettere su altre piattaforme (in primis il DTT).

Io più di un incastro lo vedo nelle strategie del gruppo News Copr. voi no?

Technorati , , , , , , , , ,

8 thoughts on “SKY lancia un’offerta su Digitale Terrestre.

  1. Direi di si? Vedi come col tempo tutto comincia ad avere un senso? Il DTT, se criticabile sotto alcuni punti di vista tecnici, è ormai lo standard del futuro, almeno sotto certi aspetti.

    Probabilmente quello che ha dato un tono in più al DTT, anche in Italia, è stata la immediata diffusione di componenti DTT per PC (vedi schede o pennine USB che permettono di vedere il DTT anche su un portatile in cima al cucuzzolo di una montagna) e i nuovo registratori DVD che lo supportano sostituendosi – di fatto – ai normali box (Mediaset? Con finanziamenti o meno) decoder.

    A breve, penso, i televisori avranno a bordo il loro decoder DTT!!

    Quindi SKY fa bene… per noi…

  2. sì ieri ho ragionato anche io su questa novità che fa il paio con la forte crescita di bt grazie alla nuova offerta quadruple pay. Ma per venire al nostro paese, anche la Rai ha sperimentato in mpeg4 durante le Olimpiadi di Torino ed è stata la prima a trasmettere in hd in pochi punti di accesso, purtroppo senza un governo delle frequenze, che in Italia non esiste, è praticamente impossibile passare a questa codifica e quindi all'hd su dtt. Credo che ci siano enormi movimento sul dtt, sopratutto in tema di impianti sta per partire la vendita di Rai Way: su questo si gioca il vero riassetto del sistema televisivo, e credo che Sky punterà tutto per diventare il vero terzo polo nel digitale terrestre.

  3. – sarà un incentivo alla diffusione del DTT soprattutto se verrà attuato anche da noi.
    – che fine farà il satellite fra qualche anno? non lo so ma non credo che a sky convenga mantenere in piedi 2,3 piattaforme.
    – un decoder di “nuova concezione” con MPEG4? finalmente!
    – di nuovo un altro decoder chiuso per sky? …questo invece non mi piace proprio.

  4. @Cristian, il vero problema dell'offerta di SKY (sto ancora elaborando il concetto) è l'aver scelto di uscire dai canoni DVB, adottando l'MPEG4. Per carità tecnologicamente scelta ineccepibile. Peccato che se ognuno fa per se comincerà una nuova guerra.

    @Carlo Alberto, il fatto che CISCO acquisisisca una Social Network è notizia molto interessante. Sarà da capire cosa hanno in testa, non credo che RAI c'entri nulla.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>