YouTube update feb 07.

 Images Onlinevideodemo

Il 40% degli adulti statunitensi ha visto almeno una volta 1 video su YouTube. Circa un terzo degli utenti abituali del portale video ha dichiarato di vedere per questo motivo meno TV [Harris Interactive]. L’inevitabile constatazione è che guardare video è un’attività che porta via più tempo rispetto alla normale navigazione su web. Chi guarda video su YouTube quindi sacrifica tempo ad altre attività, in primis naviga meno il Internet quindi guarda meno televisione.

super bowl

YouTube d’altra parte continua incessantemente a sfornare novità per i suoi spettatori. Ultima è la collezione di tutte le pubblicità andate in onda durante il Super Bowl XLI (che per la cronaca è stato vinto dai Colts). Lo spazio pubblicitario più costoso al mondo di norma è popolato da spot di incredibile qualità creati per l’occasione. Su YouTube è possibile vederli tutti in rassegna, ordinando i propri preferiti in una classifica User Generated che decreterà lo spot preferito dal popolo della rete. Mai come oggi anche la pubblicità è contenuto.

video toolbox

Altra novità è lo YouTube Video Toolbox, ovvero una completa sezione di tutorial su come girare un perfetto video amatoriale. Anche YouTube, e non c’era dubbio, sta puntando a migliorare la qualità dei contenuti. Per farlo, oltre a lanciare sempre più di frequente dei contest tematici, ha deciso di perseguire la via già tracciata da molti: insegare a chi vuole migliorare.

Ultima novità riguardante YouTube è la nuova disputa con Viacom che ha fatto cancellare 100.000 video che, a loro detta, infrangevano il copyright. Di per sè il fatto non costiuirebbe ormai più notizia se non per come Viacom ha proceduto. E’ stata un vera e propria azione di spam: con uno spider Viacom ha verificato tutti i video su YouTube che contenevano nel titolo e nei tag delle “parole chiave” a loro sgradite (principalmente i titoli delle loro serie TV), inviando in automatico una richiesta di cancellazione. YouTube quindi si è vista invasa da un mare di richieste ed è stata costretta a procedere immediatamente diffidando tutti gli utenti che avevano uploadato i video incriminati. Peccato che essendo stata una operazione di spam senza senso, ci sono andati di mezzo migliaia di utenti colpevoli solo di aver uploadato un loro video taggandolo o titolandolo con una keyword sgradita. Molti filmini della vacanze sono scomparsi, molti onesti utenti si son sentiti dare dei “pirati“. Tutto ciò dovrà prima o poi finire.

Technorati , , , , ,

3 thoughts on “YouTube update feb 07.

  1. Mi viene da fare un commento scomodo. Il problema Viacom YouTube è al di la della forma criticabile con cui è stato risolto il fatto che questi aggregatori iniziano ad implementare dei modelli di business finalizzati al guadagno sui loro contenuti. Quindi… se YouTube guadagna ospitando spezzoni di video prodotti da Viacom, quest'ultima non sta a guardare. Il modello messo in crisi è questo. Fino a qundo fai lo sharing di contenuti generati dagli utenti e offri un servizio sinergico per entrambi è un conto. Ma se usi i miei contenuti (a gratis) e ci fai i soldi sopra è un'altro. Sta qui il problema. Più questi servizi inizieranno a guadagnare sui loro modelli più il problema sarà sentito.

    Pensate a quando tutto questo sarà condito da advertising contestualizzato. Il video di Viacom con l'intervista a Bill Gates ha fatto 500.000 view su YouTube. 500.000 impression se avessimo avuto su quest'ultimo dell'adv contestualizzato, il tutto gentilmente offerto da Viacom a favore di YouTube. Il modello non funziona in questo caso. Lo puoi fare solo previa delibera del produttore o se i contenuti non sono protetti da copyright.

    Felice di essere smentito ovviamente.

  2. A proposito di novità…

    Io attendo con ansia di avere news sui vari servizi che Ytube potrebbe implementare per la modifica e l'editing online delle proprie clip.

    siti come jumpcut.com non sono decollati però han mostrato che ci sono nuove e interessanti strade da percorrere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>