Rocketboom.com = Amanda Congdon? Forse no!

Rocketboom è il popolare videoblog creato da Andrew Baron ed Amanda Congdon nella fine del 2004. Durante i classici cinque giorni lavorativi rocketboom.com offre ai propri spettatori un breve notiziario di 3 – 5 minuti concentrandosi su molteplici generi di news (cronaca, gossip, moda e notizie simpatiche). amanda Tale format in poco tempo ha conquistato una consistente fetta di audience (ca. 300,000 view al giorno) grazie alla simpatica presentatrice ed all’innovativa idea di notiziario light. Molti opinionisti nel cercare la ragione del successo di tale vblog, incoronano il personaggio di Amanda Congdon come principale fautrice delle fortune del sito. Personalmente ritengo che oggi non sia più così, è vero che agli albori del sito l’accoppiata contenuti ed Amanda hanno significato il successo di Rocketboom, ma dopo il 5 luglio 2006 (giorno del licenziamento di Amanda e del conseguente lancio dell’attuale conduttrice Joanne Colan) l’intero mondo di Internet si è accorto del fatto che rocketboom.com è un video blog di successo semplicemente perché è Rocketboom. rocketboom È chiaro che il ruolo di conduttrice è un punto critico del business, ma per Andrew Baron (regista ed autore del vblog) l’importante è stato scegliere bene l’erede di Amanda nella convinzione del fatto che la caratteristica distintiva di rocketboom.com non era Amanda ma il format ed il brand. Oggi i numeri del sito sono gli stessi del periodo precedente al 5 luglio ed in quel giorno, il licenziamento di Amanda ha garantito pubblicità gratuita al sito e alla Congdon. Difatti il video blog ha visto aumentare le proprie view giornaliere ad 1 milione per tutto il mese successivo e la presentatrice, invece, ha ottenuto un contratto con ABC ed una notorietà ben maggiore di quella che aveva in precedenza. Insomma…non tutti i mali vengon per nuocere.

Fototessera Ldb L’autore di questo post è Luca De Bartolo che ho conosciuto un paio di mesi fa, quando mi intervistò per la sua tesi sulla IPTV, diventata poi decisamente una tesi sulla Net TV. Luca è nato a Roma il 10 Novembre 1982, laurea specialistica con lode presso la Luiss in Economia e Direzione delle Imprese in collaborazione con Booz Allen Hamilton. Occupazione attuale: nessuna, ma con ottime probabilità di dottorato. La sua tesi è stata tra le più interessanti che ho letto, per questo gli ho chiesto se gli andava di scrivere qualche post per il mio blog sui temi che aveva approfondito per la tesi. E cosi è stato.

Technorati , , , ,

3 thoughts on “Rocketboom.com = Amanda Congdon? Forse no!

  1. Veramente interessante, potrebbe essere utile approfondire il format e capire gli sviluppi commerciali con una suddivisione del target. Complimenti all'autore

  2. E' chiaro che alla base del licenziamento di Amanda Congdon c'è stata la consapevolezza che il format avrebbe funzionato a prescindere da chi fosse stato a condurlo. Credo sia stato un rischio calcolato, o meglio, una mossa all'apparenza coraggiosa ma sostanzialmente supportata da una sicura indagine da parte degli autori che avrà evidenziato un trend in continua crescita del bacino di utenza di "Rocketboom" con o senza Amanda. Sarebbe interessante capire se tale format o similari siano destinati ad avere lunga vita o se negli anni saranno ricordati solo come fulmini a ciel sereno. Complimenti all'autore, argomento interessante.

  3. Penso che a giorno d'oggi tanti sono interessati a notiezie flash, carini e semplici da vedere. I notiziari web stanno diventando sempre piu' popolari, perche' la gente vuole vedere cose che gli interessa e specialmente uno concentrato di notizie di cui e' interessato.

    Sarebbe interessante fare una ricerca sulla lunghezza di un notiziario di cui un untente medio sopporta o che porta piacere.

    Complimenti a Luca per il suo interessante topic.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>