iTV: Apple alla conquista della TV

Dsc 0993

Lo scorso 12 settembre Steve Jobs ha rotto le regole da sempre vigenti in Apple: ha rivelato un prodotto prima di presentarlo. Uno sneak peek forse dettato dalla necessità di dare ai possibili “investitori” del nuovo sistema di download di Film un altro perché o forse per anticipare qualche altro clamoroso annuncio in arrivo da potenziali concorrenti (Vista a gennaio con media center integrato). Qualsiasi sia il motivo l’anticipazione non ha colto nessuno di sorpresa: la Apple ha pensato ad un oggetto per trasmettere video wireless dal PC alla TV. Quello che ha sorpreso è la forma e la complessità che questo oggetto ha preso. Ci si aspettava una evoluzione della base Airport Express, che già oggi consente di trasmettere musica wireless dal PC allo stereo. E’ invece arrivato iTV (nome provvisorio e decisamente pessimo), una sorta di set-top-box/media center che mira ad essere qualcosa di più evoluto ed espandibile di una semplice base WiFi.

Dalle dimensioni compatte sembra fatto apposta per essere ospitato sopra un hard disk. Esce in HDMI, RGB, USB, WiFi e Ethernet. Ha un software interno che si interfaccia con iTunes e consente di vedere in TV in Film scaricati, le serie TV oltre che sentire la musica e vedere le foto. Molto interessante: non c’è che dire. Sembra essere potenzialmente il nuovo iPod: che non costituì nessuna innovazione ai tempi quanto una razionalizzazione delle esigenze degli utenti. Questo è iTV. Un oggetto semplice, bello, funzionale e che invece di Media Center si chiama iPod TV (cmq, speriamo non iTV). Non potrà godere dello stesso effetto “desiderio compulsivo” che ha spinto le masse ad avere un iPod. ITV resta in salotto, ma potrebbe diventare l’oggetto da avere per mostrare il livello di coolness della propria casa. Vedremmo.

Quello che mi ha più impressionato della presentazione di Jobs è stato il vedere come nei pochi minuti che ha dedicato al tema abbia voluto mostrare come sarà possibile vedere i Podcast Video dal divano di casa, sul proprio televisore. Possibilità che avevo sempre preso in considerazione ma che non avevo mai visualizzato. E’ da mesi ormai che uso il STB PVR di SKY (MySKY) e non ne potrei più fare a meno. Non perché sia il set-top migliore al mondo, quanto perché la visione non lineare dei contenuti TV è diventate per me un must. I miei tempi non sono più allineati con il palinsesto. La possibilità di vedere quello che mi piace quando voglio è diventata fondamentale. Soprattutto se si considera che la maggior parte dei contenuti d’intrattenimento fatti per la TV sono serie a puntate. Ecco, la presentazione dei Podcast Video di Jobs mi ha dato la stessa sensazione a livello di esperienza. Oggi ci sono in circolazione sempre più Podcast Video di valore. D’altra parte con un PC/Mac di oggi fare video con effettistica e quant’altro è piuttosto semplice. Creare contenuti seriali con qualità di realizzazione “broadcast” è alla portata praticamente di tutti. Altro discorso è la qualità e l’attendibilità dei contenuti proposti, ma per questo basta scegliere. Quello che si potrà avere sarà un infinità di canali tematici, proposti in modalità non lineare, a puntate, distribuite ad abbonamento (grauito o non): i Podcast Video per l’appunto!

***

Accenderò l’iPod TV, andrò nella sezione Podcast… Videogiochi e vedrò le ultime video recensioni dei giochi che m’interessano e così Musica, Libri, Cinema… le ultime interviste, commenti, trailer. Fino ad arrivare alle news, che potrò avere in mille salse, di mille colori, molto probabilmente raccolte direttamente per la strada laddove i fatti accadono. Se poi non avrò avuto tempo una sera nel vedere l’ultimo Podcast della serie TV di fiction (prodotto da una casa di produzione indipendente) nessun problema: il mio iPod Video l’avrà già sincronizzata e la vedrò in macchina mentre passo il tempo nel traffico andando a lavoro…

Technorati , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>