VIIV

INTEL sta per rilasciare la nuova tecnologia [[wikipedia|VIIV]].
Faccio una premessa: Intel circa due anni fa ha annunciato al mondo una sua epocale ristrutturazione interna. I giornali titolarono “INTEL manda in pensione la LEGGE DI MOORE”. Clamoroso ma vero. Intel si è riorganizzata per fornire Piattaforme Hardware Integrate mirate a fornire specifici servizi. Intel [[wikipedia|CENTRINO]] è stata la prima avvisaglia: un insieme di chip a formare una piattaforma in grado di fornire servizi di connettività Wireless. Quindi non c’è più il Chip e la sua potenza al centro dell’evoluzione tecnologica (No More Moore) ma l’integrazione di più componenti. Intel ha esteso questo concetto ad esempio anche al mondo Medico, per il quale fornisce sistemi integrati per fare analisi, diagnosi, etc. Ora la prossima rivoluzione sarà VIIV: ovvero una piattaforma integrata per il MULTIMEDIA. VIIV fornirà a tutti i device che la adotteranno servizi per:

  1. connettività Wireless
  2. Utilizzo multi layer del device (ne parlerò dopo)
  3. Fruizione ottimizzata di contenuti Multimediali (Audio, Video, Giochi)
  4. Interfaccia via Telecomando
  5. DRM
  6. PVR

chi adotta VIIV avrà questi servizi, ripeto cosi come chi adottava CENTRINO aveva device in grado di connettersi ad Internet in Wireless.

APPLE passa ad INTEL e adotta VIIV.
Il clamoroso annuncio di Jobs di qualche mese fa oggi sta rivelando tutti i suoi perché. I passaggio di Apple a tecnologia Intel non era tanto dovuto alle migliori performance dei processori (la legge di Moore è morta, quindi che importanza ha?!) quanto alla nuova entusiasmante politica Intel. Apple già da GENNAIO (!!) uscirà con il primo Mac INTEL: e sarà un MAC MINI, quei piccoli e meravigliosi oggettini dalla dimensione di un autoradio. I nuovi MAC MINI adotteranno VIIV, quindi avranno tutti i servizi che VIIV offre: WiFi, Telecomando, Multimedia spinto, DRM. In più avranno incorporato un “dock” per iPOD: in sostanza ci potrai infilare l’iPOD sopra facendolo diventare parte del tuo sistema. Poi quando vuoi, quando esci di casa/ufficio, ti porti l’iPOD con te. Ma le due novità più clamorose sono: il nuovo concetto di PC Multi Layer, e il nuovo modello di distribuzione di VIDEO.

PC MULTILAYER
I PC (MAC) oramai sono macchine potentissime. La maggior parte della loro potenza è assolutamente sprecata. L’idea qual’è: uso la potenza del PC per dargli più anime: contemporaneamente! Il nuovo FRONT ROW di Apple (se volete vi posso fare una live demo) è un software dormiente che gira mentre voi usate il vostro Mac. Premendo un solo bottone (dal telecomando) il Mac si veste di nuovo: il desktop scompare con un meraviglioso effetto e appare il MEDIA PLAYER, dal quale io posso pilotare l’ascolto del mio AUDIO, la visione dei VIDEO, dei DVD e gli SLIDE SHOW delle foto. La versione FRONT ROW nei prossimi MAC MINI avrà anche la possibilità di farti fare PVR! I nuovi MAC MINI avranno probabilmente anche un TUNER TV (non escluderei sia a plug-in e quindi in Italia potenzialmente DVB-T). Quindi io uso il PC come PC quando sono seduto sulla scrivania, poi vado in salotto premo un bottone e voilà! il mio PC diventa un MEDIA PLAYER. La cosa fantastica è che per fare questo io non devo portare il PC vicino alla TV, ed in realtà neanche smettere di usare il PC come PC. Mi spiego: Apple ha già in commercio una base WiFi chiamata Airport EXPRESS che oltre a fungere da base WiFi ha anche una uscita AUDIO (anche qui se venite a trovarmi a Roma vi faccio una live demo). Collegato l’uscita audio del Airport Expres allo Stereo potete suonare musica dal vostro Mac in wireless. Naturalmente potete avere più basi Airport Express e assegnare a loro vari nomi tipo “Salotto”, “Cucina”, “Bagno”… e poi decidere dal vostro Mac dove far suonare la vostra Playlist. Fantastico, veramente. Ora con l’uscita dei nuovi MAC MINI ci si aspetta una upgrade anche di Airport EXPRESS che contempli una uscita video (S-VIDEO?). Stesso principio appena descritto ma *molto* più potente: posso avere per casa N basi Ariport Express e decidere dove playare il video. Quindi il mio MAC MINI rimane sulla scrivania dello STUDIO, dove lo uso come PC. Quando voglio vado in salotto, premo il telecomando e vedo il MEDIA PLAYER sulla TV attraverso la base Airport EXPRESS!! (il telecomando sarà bluetooth;) La cosa ancora più clamorosa è che io posso continuare ad usare il MAC MINI in studio mentre ad es. mia moglie lo usa come MEDIA CENTER in salotto e si vede un FILM scaricato, mentre mio figlio *sempre in contemporanea* lo usa per ascoltare la musica al bagno (mentre fa la doccia ;). Il tutto pescando da una library che è un po sul MAC MINI un po sull’iPOD. Il tutto contemporaneamente! Ecco il multi layer: garantito dall’enorme potenza dei processori di domani che ad esempio nella piattaforma VIIV saranno tutti almeno dual core (e quindi ecco che un core fa il PC normale, l’altro gestisce il Meia Center e più core avrai più punti di fruizione Media potrai avere in casa). Poi quando mio figlio esce, stacca l’iPOD e va in giro con la sua library di contenuti A/V sempre a portata di mano.

Nuovo Modello di distribuzione VIDEO.
Ma c’è di più. L’uscita dell’iPOD VIDEO è stata solo la prima avvisaglia dell’entrata di Apple nel video e nella TV. I nuovi MAC MINI avranno il PVR + il Tuner TV. Ok. Ma la cosa più interessante è il nuovo modello di distribuzione dei video. Già oggi con iTunes io posso comprare dei video (TV SHOW di network americani) e scaricarli sul Mac/PC e poi sull’iPOD cosi come faccio per la musica. Già oggi posso farlo con un modello molto interessante: vedo Desperate Housewife la sera, la mattina dopo posso comprarlo su iTunes a $ 1.99. Ora la Apple sta allargando in maniera clamorosa le sorgenti di contenuti video, siglando accordi con tutti i principali network + contenuti Cinema (quindi FILM, che già oggi ha da Disney e Pixar). L’elenco esatto dei nuovi partner è ancora indefinito, ma cresce ogni giorno. Ma qual’è la novità più clamorosa: i video si potranno comprare ma rimarranno sui server Apple. Una voltra comprati io li potò vedere collegandomi al mio account .Mac (anche qui vi farò una live demo) e vedendoli in streaming. Una nuova tecnologia di cacheing brevettata Apple (e son convinto anche una virata verso il P2P) consentiranno la fruizione senza scatti e ad alta qualità del video. L’unica possibilità di download è per il formato redux previsto per l’iPOD. Quindi compro il video da iTunes poi lo vedo attraverso il MEDIA PLAYER che me lo fa vedere in streaming dal mio account .Mac dai server Apple. Se voglio lo scarico sul iPOD e me lo porto in giro. Questo modello garantisce un livello di sicurezza dei contenuti distribuiti senza precedenti! In più consente agli utenti di avere sempre la garanzia di possesso del contenuto acquistato (ovvero non lo perdo se mi si sfascia il Mac/PC o l’iPOD).

Tutto questo da Gennaio!!
Chiudo con una nota sulla [[wikipedia|Microsoft]] perché se no mi dite che sono di parte. Windows Media Center esiste da anni, è vero. Ora è integrato sul XBOX 360 (che per altro sta per subire una class action negli USA perché non funziona neanche a calci [ahahah]). Per altro secondo me è anche un gran bel prodotto. Anche il nuovo Windows Media Center sarà basato su VIIV, questo quando uscirà il nuovo Windows VISTA (fine 2006??). Il problema principale di Microsoft è che non dispone di un sistema integrato. Non ha Airport Express, ne l’iPOD per intenderci. Ma soprattutto non ha iTunes, cioè gli manca il sistema di distribuzione e billing. Ci stanno provando, ovviamente. Stanno provando ad accelerare i tempi di Windows VISTA, di Windows LIVE (tipo .Mac) e stanno provando a spingere i loro formati proprietari Windows Media 9 e 10. Ma Microsoft manca in questa fase storica sia di vision che di appeal verso il target di riferimento per questi servizi/contenuti. Ci stanno provando, stanno disperatamente provando anche a rifarsi il look (guardate le loro nuove campagne ADV). Ma sono fuori rotta, per loro costituzione genetica. Non vi dimenticate che Apple ha già approcciato il problema del iPOD su Telefonino: il fallimentare MOTOROLA RCKR. Fallimentare perché non veniva minimamente incontro ai modelli di business delle mobile telcos. In realtà progetto pilota che già nella versione 2.0 (il nuovo RCKR2 è già in uscita) avrà superato gran parte dei problemi. Leggetevi assolutamente l’articolo in merito sull’ultimo WIRED. Questo per dire che il potenziale ammazza-iPOD è il Telefonino e che Apple è già li. (Se volete un approfondimento sul tema ve lo posso dare). Sul domestico iTunes è già multi piattaforma (Mac/PC). Le basi Airport Express sono WiFi standard quindi assolutamente compatibili con chiunque. Quindi a differenza di Microsoft il modello Apple si fonda su standard multi piattaforma ed ha un modello che copre tutta la catena del valore (inclusi Network operator, Mobile Operator, Content Provider). Non vi dimenticate i numeri di iPOD: quasi 50 milioni venduti in giro per il mondo, gia 1 milione di Video venduti da ottobre + 300 milioni di Audio.

Il problema rimane quello del DRM. Apple usa il suo Fairplay (bel nome vero?). Io prevedo a breve una class action che imponga all’industria di adottare uno standard interoperabile. Oggi ognuno ha il suo. Esistono vari progetti di DRM interoperabile (dove interoperabile ha lo stesso significato pratico del simulcast pre il CA concepito dal DVB). Li sto studiando per capirne i pro e contro (aggiornamenti sul tema nelle prossime puntate).

Technorati

One thought on “VIIV

  1. Pingback: discover property and casualty insurance

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>